Confidimprese FVG l’assemblea dei soci approva all’unanimità il bilancio di esercizio 2017

Garanzie per la crescita delle imprese da un lato, accantonamenti a copertura dei “deteriorati” dall'altro. Corre su due binari paralleli l'attività del Confidimprese FVG, i cui soci si sono ritrovati oggi in Assemblea generale presso la sede della CCIAA di Udine, alla presenza del presidente Roberto Vicentini, dei rappresentanti delle istituzioni regionali e locali nonché dei vertici regionali di Confartigianato, CNA e Ures, degli Istituti di credito e degli ordini professionali per l'approvazione del bilancio consuntivo 2017, oltre che per inquadrare quella che sarà l'attività del 2018, grazie soprattutto alle ultime positive notizie ossia la prima tranche da 6 milioni di euro frutto dell'operatività del Fondo Por Fesr e la regionalizzazione del Fondo centrale di Garanzia.

Nel corso del 2017 – ha spiegato nella sua relazione Vicentini – abbiamo consolidato il nostro ruolo di primario ente di garanzia a livello regionale offrendo nuovi servizi avanzati alle nostre imprese. Grazie ad una rilevante massa critica (Confidimprese FVG è il più grande confidi della regione), alla solidità patrimoniale ed alla prossimità sul territorio abbiamo sostenuto le imprese della nostra regione, rilasciando garanzie qualificate che hanno permesso la crescita economica dell’intero tessuto economico del nostro territorio. Risultati resi possibili anche grazie ad importanti conferimenti regionali; per questo va un plauso all’Amministrazione Regionale che conferma il riconoscimento dei confidi quali importante strumento di politica economica.

Grazie alla lieve ripresa economica nel corso del 2017 registriamo inoltre minori ingressi a sofferenza con un conseguente miglioramento del portafoglio aziendale. Nonostante ciò sempre attenta è la politica degli accantonamenti effettuati a copertura delle garanzie deteriorate ed un processo di selezione che coniughi mutualità ed efficienza creditizia.

“I risultati conseguiti nel 2017 confermano la validità della scelta strategica operata già dal 2009, con la trasformazione in intermediario finanziario Vigilato da Banca d’Italia, unico del FVG ed uno dei soli 38 operanti in Italia, ed ai quali le Banche riconoscono un valore superiore delle garanzie prestate.”

 

 

Le importanti novità registrate nei primi mesi del 2018 contraddistinguono un percorso di crescita operativa e di ulteriore rafforzamento:
L’operatività cresce del 7% nel primo quadrimestre.
La riattribuzione ai confidi regionali della prima tranche di 6 milioni di euro dall’operatività Por Fesr programmazione 2007-2013 (confidiamo siano 21 entro la fine dell’esercizio).
L’assegnazione delle risorse nazionali del Patto di stabilità per 2,6 milioni di euro,
Infine, la novità di giovedì 10 maggio, con la parziale regionalizzazione del fondo centrale di garanzia in applicazione della lettera R) del Decreto Bassanini. Per gli importi da €25.001 a €175.000 l’accesso al fondo sarà possibile, infatti, solo attraverso la controgaranzia dei Confidi. Un azione fondamentale per il rafforzamento dei Confidi, ma, soprattutto delle PMI regionali abbinando la garanzia pubblica a ponderazione zero all’assistenza finanziaria dei Confidi.
Ciò comporterà un aumento della leva applicata sulle risorse pubbliche, con la possibilità di garantire un maggiore volume di finanziamenti a parità di risorse del FCG e quindi l’ampliamento della platea delle Imprese (micro, medie e piccole) che avranno così un più agevole accesso al credito grazie alla garanzia pubblica, rafforzando la capacità delle Imprese di accedere al credito e quindi sviluppando il sistema economico e sociale del territorio.

“Per questo ultimo successo rivolgo un sentito ringraziamento al Presidente Fedriga per l’importante risultato ottenuto a pochi giorni dal suo insediamento – conclude Vicentini -. Ciò consentirà al Sistema regionale dei Confidi di irrobustirsi e di erogare un servizio ancora più ottimale alle imprese del FVG per agevolarne l’accesso al credito alle migliori condizioni. Il fruttuoso personale intervento del Presidente Fedriga alla suddetta Conferenza unificata conclude un lungo lavoro iniziato e portato avanti brillantemente da oltre un anno in regione e da alcuni mesi a livello nazionale dal già vice presidente Bolzonello e dall’Amministrazione Regionale.
Voglio rimarcare due altri aspetti di questa vicenda, essenziali per l’ottenimento di questo importante successo:
• La profonda sinergia tra Regione e Sistema dei confidi, ed in particolare con il nostro. Voglio sottolineare i continui contatti tra la Regione e la nostra struttura che ha fornito, in tutto questo articolato percorso, numerosi supporti documentali all’Amministrazione Regionale.
• La tenacia esercitata dalla Regione - sia a livello politico che tecnico - di fronte all’atteggiamento dilatorio del MISE, che è stata fondamentale per il successo ottenuto”.

Potrebbero interessarti anche...