Alberghi diffusi, crescita a due cifre: nel 2017, il fatturato cresciuto del 16,8 per cento

Il 2017 è stato un’annata positiva per il turismo “Made in Friuli VG” e gli alberghi diffusi non sono stati da meno, anzi. A renderlo noto è la stessa Associazione regionale degli Alberghi Diffusi. Dati significativi che si traducono in un +2,8 per cento di presenze (quasi 42 mila, complessivamente) e addirittura +16,8 per cento di fatturato. Una crescita due cifre sul piano economico, quindi. Anche laddove le presenze sono diminuite, peraltro, il risultato è stato frutto di una riduzione dei posti letto in gran parte compensata da una migliorata redditività per ciascuna presenza. «In questi giorni i nostri associati ci hanno fornito i primi dati relativi al 2017 e si tratta di numeri che confermano il trend positivo di crescita dell’ospitalità diffusa: un tipo di ospitalità nato nella nostra regionale e sempre più apprezzato. Ed è particolarmente positivo che si sia consolidata soprattutto la capacità di generare marginalità positiva», è il commento di Lucia Miotti, presidente dell’Associazione che riunisce gli Alberghi Diffusi della regione. Il dato più rilevante, come detto, riguarda la crescita del fatturato, molto superiore a quella delle presenze. «Significa che ogni singolo posto letto “venduto” ha generato una maggiore redditività: il sistema sta crescendo e maturando, una sfida necessaria per la sostenibilità di un sistema che, anno dopo anno, continua a generare ricchezza e opportunità in territori dove i flussi turistici sono altrimenti limitati e gli Alberghi Diffusi si occupano di un’azione di vera e propria promozione territoriale». La stima dell’indotto generato dagli ospiti degli Alberghi Diffusi in Friuli VG, riferito soltanto agli stranieri, dice che ogni anno questi turisti spendono almeno 1,7 milioni di euro sul territorio montano, in borghi e località spesso al di fuori dei principali poli turistici regionali. Soddisfazione anche da parte di Confcooperative, espressa dal suo presidente provinciale udinese, Flavio Sialino: «I dati confermano la bontà sostanziale di un progetto che fonda le sua radici nel legame con il territorio. Da parte nostra, ci confermano anche nell’intenzione di voler sostenere e promuovere lo sviluppo di questa particolare forma di ricettività che tutta l’Italia studia e ci invidia. Per sostenere questo processo di crescita – conclude Sialino -, vediamo con favore il fatto che le istituzioni regionali incoraggino anche forme aggregative tra gli stessi Alberghi Diffusi: potrebbe essere la strada migliore per consolidare i passi avanti compiuti in questi ultimi anni».

Potrebbero interessarti anche...