Appello del lavoro autonomo agli eletti: «Non trascurate i pensionati»

A poche settimane dal voto in Regione dopo quello delle politiche, il Capla Fvg, il comitato regionale dei pensionati del lavoro autonomo (80mila iscritti in Fvg), richiama l’attenzione dei candidati alla presidenza della Regione e chiede loro di condividere le proposte della categoria. Una chiamata forte e chiara per mettere al primo posto dell’agenda politica il reddito pensionistico, il welfare, la riorganizzazione del comparto socio-assistenziale e le esigenze degli anziani. Il Capla Fvg, coordinato da Guido De Michielis, chiede dunque provvedimenti «ponderati e credibili» e un impegno ai candidati alla presidenza Fvg. Tra l’altro, nel memorandum consegnato nella sede di viale Duodo compare la richiesta di un accesso universale ai servizi sanitari ed assistenziali per garantire prevenzione e cura della salute anche da parte della popolazione che risiede nelle aree rurali, in collina o in montagna ovvero quei soggetti più esposti al rischio dell’abbandono e della solitudine. Inoltre, per semplificare le procedure burocratiche di accesso alle cure e agli interventi assistenziali, si sollecita di ridurre i costi di funzionamento delle strutture che, in ultima istanza, vengono a gravare sui cittadini (spese di trasporto). E ancora si sollecitano l’incremento di alloggi di proprietà pubblica, a vantaggio dei soggetti più disagiati, con una riserva di abitazioni a favore delle famiglie in povertà e sfrattate e l’accesso diretto ai benefici della legge sull’invecchiamento attivo anche alle associazioni di categoria. La Regione, avverte De Michielis, «non trascuri le problematiche di pensionati e anziani e il contributo che essi possono concretamente dare per uno sviluppo equilibrato e per la ripresa dei consumi».

Potrebbero interessarti anche...