Assemblea costituitiva della sinistra per l’alternativa in FVG a Cervignano. Approvato documento e nominati i delegati all’assise costitutiva nazionale

Si è tenuta a Cervignano del Friuli la prevista assemblea costitutiva della lista unitaria di sinistra. Alla presenza di circa duecento persone si è svolto un ricco e articolato dibattito dove è stato ribadito l’impegno comune di tutti per la costruzione di una forza che metta al centro l’equità, la giustizia sociale e il lavoro. Oltre ai soggetti fondatori Movimento democratico progressista, Sinistra italiana e Possibile erano presenti liste civiche di sinistra e diverse personalità regionali che contribuiranno al percorso comune. Si tratterà, nei prossimi mesi, di radicare nel territorio il nuovo soggetto politico, aperto ai movimenti e al civismo, che proporrà un programma per l’alternativa di sinistra che molti elettori aspettano. Lavoro sicuro, ambiente, servizi sociali e diritti sono al centro della proposta e iniziativa politica, in vista delle prossime scadenze elettorali nazionali e regionali.
Nel corso dell’assemblea sono stati votati i delegati che rappresenteranno il Friuli Venezia Giulia all’assemblea costitutiva nazionale del prossimo 3 dicembre a Roma.

Sono: Federico Buttò, Adriana Caselotto, Francesco Zappaterra, Tiziana Vuotto, Lorenzo Presot, Giulia Castellan, Roberta Russi, Mauro Cedarmas, Alessandro Missana, Marco Cucchini, Cristina Nazzi, Pietro Del Frate, Anna Maria Toneatto, Massimiliano Pozzo, Francesca Trapani, Paola Maria Milazzo, Maurizio Petroni, Alessandro Metz, Alessia Marri, Artan Sara, Martina Luciani, Andrea Sandra, Alessia Zambon, Marco Duriavig, Andrea Bellavite, Velia Cassan, Ruben Colussi, Giuliana Pigozzo, Gian Marco Saponaro, Alessandra Montico, Angela Chidemi, Maurizio De Pol Michele Ciol, Francesco Foti, Tommaso Brollo, Cristiana Morsolin.
Parteciperanno all’assemblea nazionale come delegati di diritto i senatori Carlo Pegorer, Lodovico Sonego, Lorenzo Battista, l’onorevole Serena Pellegrino e il consigliere regionale Mauro Travanut.

Il commento di Serena  Pellegrino alla fine dei lavori:  “Esattamente come il concetto di urbanistica è finalmente oggi inteso in senso allargato e riguarda la complessità dello sviluppo del territorio, così anche la costruzione di un programma politico deve avvenire in maniera olistica: oggi abbiamo definito la complessità delle istanze che la Sinistra deve rappresentare nella prospettiva eco - logica di sviluppo della società , della riformulazione del sistema economico, della tutela dei diritti, nello spirito e con gli strumenti indicati dalla nostra Costituzione.  “Nel nostro Paese la democrazia è a rischio, dobbiamo insistere sulla centralità del Parlamento e ricordarci che la tanto sbandierata governabilità è anche l’humus in cui proliferano i dictat delle potenze economiche sovranazionali per dettare le agende dei Governi. Sono molto soddisfatta perché, in occasione di questa assemblea, l’adesione al percorso unitario sottoscritta da 170 persone, insieme alla partecipazione di moltissimi altri ai lavori odierni, ha manifestato l’esigenza di un cambiamento radicale, sentito sia nei partiti sia tra i cittadini impegnati nella società. Gli obiettivi comuni ed anche le osservazioni critiche sono stati tradotti in proposte specifiche, istanze ed osservazioni concrete, espressione diretta delle esperienze nelle comunità territoriali e nei diversi settori economici, culturali e sociali della Regione, rapportate alle politiche nazionali, a quelle comunitarie e allo sviluppo della Sinistra europea.”

 

 

Potrebbero interessarti anche...