Una buona Udinese ferma l’Atalanta: al Friuli finisce 1-1

Riscatto doveva essere, riscatto è stato. Una buona Udinese ha bloccato sull'1-1 al Friuli la lanciatissima Atalanta, giunta con la presenza di 1.300 tifosi pronti a sospingere la Dea verso l'Europa.
Dopo la figuraccia di Bologna, i bianconeri sono stati capaci di neutralizzare la temibile avversaria, squadra-rivelazione della stagione. La sorpresa arriva prima del fischio d'inizio: c'è finalmente spazio per Andrjia Balic che, dopo due anni "in naftalina", conosce per la prima volta la gioia di una maglia da titolare.
Mister Delneri opta per un 4-4-2. Difesa confermata rispetto alla vigilia: davanti a Karnezis, ci sono Widmer e Adnan come esterni, mentre Danilo e Felipe tornano a fare coppia in mezzo; a centrocampo, De Paul e Jankto sono gli esterni, mentre Hallfredsson e Balic occupano la mediana. Davanti, c'è Stipe Perica al fianco di Zapata. Gasperini risponde con il 3-4-1-2, condizionato dalle tante assenze.
Partita a buon ritmo già dalle prime battute, e la saggezza tattica di Delneri non lascia campo all'Atalanta. I friulani provano anzi a passare in vantaggio con Zapata, che vince un rimpallo in area e spara verso la porta, ma Berisha è attento. Sempre il portiere ospite è bravo anche su un velenoso angolo di De Paul. Gli orobici provano a reagire e l'occasionissima è per Petagna, che vince un paio di rimpalli in area e conclude due volte: dopo la respinta di Karnezis, è bravo Adnan a sventare nei pressi della linea. Quando l'Udinese sembra avere il controllo della gara, ecco che gli ospiti passano: corner di Gomez, Cristante svetta bene e anticipa Widmer, beffando Karnezis sul palo opposto. L'Udinese sembra incassare il colpo, mentre l'Atalanta si ritrova e costruisce qualche trama in velocità che fa tremare il Friuli.
Mister Delneri tocca evidentemente le corde giuste all'intervallo. Dagli spogliatoi esce un'Udinese gagliarda che, dopo nemmeno 10 giri di lancette, riequilibra la gara: veloce ripartenza friulana, palla a centro area a beneficio di Perica che, dopo una respinta di Berisha, ribadisce in rete il tap-in e fa esplodere il Friuli di gioia. Il beniamino dei tifosi colpisce ancora, e dagli spalti piovono applausi anche al momento del cambio di Balic, autore di una prova più che sufficiente.
Finisce con l'Udinese che amministra senza problemi e prova a pungere, mentre l'Atalanta non riesce a trovare il guizzo che la lanci ancora di più verso l'Europa League. Chi cercava risposte dai bianconeri dopo la debacle del Dall'Ara, oggi le ha trovate.

Potrebbero interessarti anche...