A Cividale, l’arte nasce al venerdì

Da luglio fino a dicembre, ogni venerdì, l’associazione “Formae Mentis” inaugurerà mostre ed eventi culturali. A rompere il ghiaccio la personale del fotografo Davide Degano dal titolo: “In the Streets”.   

Nella città Ducale, il venerdì sera sarà consacrato all’arte.
Da luglio fino a dicembre, ogni venerdì, l’associazione “Formae Mentis” inaugurerà mostre ed eventi culturali. A rompere il ghiaccio la personale del fotografo Davide Degano dal titolo: “In the Streets”.
Nel cuore della città Ducale, i venerdì saranno dedicati all’arte in senso lato, richiamando nomi di rilievo nel nostro panorama culturale.
L’Associazione culturale “Formae Mentis” di Udine, infatti, gruppo di ricerca artistico culturale che opera ormai da anni in Friuli Venezia Giulia diretto da Giuseppe Raffaelli, ha ben pensato di dedicare tutti i venerdì dell’anno, fino al 16 dicembre, all’inaugurazione di mostre arricchite e impreziosite da ulteriori collaborazioni e contaminazioni artistiche. E il tutto alla Casa delle Arti, in Corte San Francesco, 10 a Cividale del Friuli.
La partenza di questa importante carrellata di eventi è dunque prevista per venerdì 8 luglio quando, dalle 19, i calici s'alzeranno in onore del fotografo Davide Degano, per una personale di dieci giorni. “In the streets” è il titolo del progetto del fotografo friulano, una serie di immagini dove la realtà viene offerta sotto nuovi e inaspettati punti d’osservazione.
«Non attendere lo straordinario, - sottolinea Degano - perché sarà troppo tardi per l’ordinario. Tendiamo a non vedere la bellezza che ci circonda. Non capiamo che se impariamo ad apprezzare ogni piccola cosa, saremo poi in grado di trovare la bellezza ovunque».
«La realtà – aggiunge poi il fotografo - ci viene spesso presentata da quelli che si potrebbero definire “costruttori”, che ci mostrano dei mondi da loro strutturati al fine di alimentare i propri interessi. Non è scritta in un copione, non esiste solo su uno schermo Lcd o su un tabloid, la realtà è appena fuori dalla porta. Spesso siamo frastornati dagli eventi che ci accadono attorno, assordati dai rumori, siamo indotti a tradurre la nostra vita in routine, ma sia che si passeggi per le strade, sia che si aspetti a un semaforo, che si vada al lavoro o si torni a casa, che si parli a uno sconosciuto, questi momenti vanno goduti come attimi irripetibili, che per quanto reiterati nel corso di una vita non saranno mai uguali a se stessi, perché il piacere e la soddisfazione sono qui e adesso, sono il presente».
Note biografiche
Il percorso fotografico di Davide Degano è iniziato dopo il diploma di maturità quando, sentendo il bisogno di mettersi alla prova e di acquisire nuove esperienze, ho comprato la prima macchina fotografica e un biglietto per l’Australia. Ha vissuto per un anno a Byron Bay, dove, percorrendo le vie di questo piccolo angolo di paradiso, una singolarità che pare quasi sospesa nel tempo, ha capito che la fotografia sarebbe stata per lui più di un hobby. Ciò che lo ha affascinato di questa forma d’arte è la possibilità che ha di rappresentare la vita così com’è e dar voce, con un’eloquenza che rare volte le parole possono avere, a chi altrimenti verrebbe lasciato indietro. Dopo l’esperienza a Byron Bay si è trasferito a Melbourne, dove ha lavorato come fotografo per JustAustralia e ha pubblicato i suoi primi lavori su riviste quali The Globo, Segmento e Blaire Magazine.

Info programma: www.formaementis.org.

VENERDI DELL'ARTE

Potrebbero interessarti anche...