Cividale-Valli del Natisone e del Torre, la storia del mercato nei racconti dialettali dei protagonisti

Sei Comuni, le scuole di Cividale e di San Pietro al Natisone, le associazioni slovene di Cividale, tutti uniti in un nuovo progetto: risvegliare la memoria del mercato cittadino e delle realtà commerciali storiche della città ducale per creare un nuovo percorso turistico.

Questo il tema del progetto “Cividale: po slovensko Čedad”, finanziato dalla Regione Fvg con i fondi destinati alle varianti dialettali dello sloveno, che sarà realizzato nel corso del 2017.
L’iniziativa vede il Comune di Cividale come capofila, e coinvolge i territori di Stregna, Savogna, Torreano, Faedis e Lusevera, oltre agli istituti comprensivi del territorio e alle associazioni Ivan Trinko, don E. Blanchini, Beneško gledališče e Scopri con noi.

Il progetto intende valorizzare il ruolo di Cividale del Friuli quale centro di riferimento commerciale e sociale delle Valli del Natisone e del Torre, facendo riscoprire e conoscere aspetti e luoghi pressochè inediti della storia recente della città.

Attraverso il coinvolgimento attivo della popolazione saranno raccolte testimonianze, fotografie e documenti relativi alla storia del mercato cittadino e dei negozi storici, con particolare attenzione al periodo che va dal dopoguerra ai giorni nostri. Le testimonianze, poi, saranno raccolte nelle varianti dialettali slovene delle località coinvolte e anche in friulano, per valorizzare il carattere plurilingue dell’area di riferimento del progetto. Ne scaturirà un archivio sonoro i cui racconti concorreranno alla creazione di un nuovo percorso conoscitivo della città – presentato al pubblico attraverso visite guidate e brochure dedicate – mentre gli aneddoti più curiosi verranno trasformati in brevi sketch teatrali, che saranno rappresentati nei Comuni coinvolti nel progetto.

Anche gli istituti scolastici di San Pietro al Natisone saranno coinvolti nella raccolta delle testimonianze, mentre l’Istituto Comprensivo Piccoli ha già elaborato un testo teatrale ambientato nelle piazze cittadine che ospitavano il mercato. Il Convitto Paolo Diacono, invece, sarà impegnato nella realizzazione di un percorso di orienteering culturale, che verrà proposto nel corso del Mittelteatro.

«Il progetto offre l’occasione di sottolineare il legame culturale, sociale ed economico che ha da sempre caratterizzato i rapporti tra Cividale e le Valli del Natisone e del Torre – afferma l’assessore al Turismo, Daniela Bernardi – oltre a essere un laboratorio di sperimentazione che darà l’opportunità di lavorare insieme e creare nuove reti e sinergie tra i diversi attori che operano sul territorio».

«Realizzare un percorso conoscitivo della città basato sulle testimonianze e la vita vissuta dei cittadini – ha concluso Bernardi – risponde anche alle richieste del turismo esperienziale contemporaneo, sempre più orientato a vivere in modo inedito la destinazione visitata, cercando nuovi ed originali punti di vista».

L’amministrazione cividalese invita la popolazione a collaborare all’iniziativa, rivolgendosi allo sportello sloveno (sportello.sloveno@cividale.net – 0432/710465) e allo sportello friulano (sportello.friulano@cividale.net – 0432/710462) attivi presso il Comune di Cividale del Friuli nelle giornate di giovedì e venerdì, dalle 9 alle 14.

Potrebbero interessarti anche...