Consorzi di bonifica: il pagamento da parte di soci divorziati, una questione posta a livello nazionale

Dopo la recente richiesta fatta dai Cobas ai dirigenti del Consorzio di Bonifica riguardo al problema del pagamento della quota consortile da parte di proprietari separati, preso atto della valenza del problema, il dottor Armando Di Nardo ha replicato: «In riferimento alla Sua richiesta si comunica che, vista la importanza del quesito, questo è stato portato alla attenzione dell’A.N.B.I. (Associazione Nazionale Bonifiche Irrigazione) per un approfondimento della materia che possa essere esteso a tutte le realtà consortili.
Lo Statuto dell’Ente deve infatti necessariamente conformarsi alle indicazioni legislative oggi contenute nella normativa di riferimento nazionale R.D.215/33 e regionale L.R. 28/02. In merito, infine, a quanto contenuto nella e-mail in argomento : “considerato che sul nuovo sito ufficiale lo Statuto non è pubblicato ma rimanda ad una delibera del BUR, Bollettino Regionale di non facile accesso per tutti i cittadini” si evidenzia che il Consorzio nella pubblicazione degli atti di carattere normativo e amministrativo generale si è conformato all’art.12 comma 2 D.Lgs. 33/2013 che testualmente dispone “con riferimento agli statuti e alle norme di legge regionali, che regolano le funzioni, l’organizzazione e lo svolgimento delle attività di competenza dell’amministrazione, sono pubblicati gli estremi degli atti e dei testi ufficiali aggiornati”».

Potrebbero interessarti anche...