Quando conviene la casa in affitto a Udine

Casa dolce casa...il prender casa, nell'immaginario degli italiani non equivale a un puro e qualsiasi tetto sotto cui trovare riparo. Anche se con differenze di approccio che caratterizzano il compratore dall'affittuario...(in tutte le sue declinazioni possibili, da quello di lungo periodo e ad equo canone al frequentatore di foresteria), va detto che la casa è sempre un oggetto in equilibrio costante tra desideri e necessità, comunque in cima alla lista di desideri, esigenze, aspettative. Vale quindi la pena ripercorre ed attualizzare con l'aiuto di esperti operatori di settore i quesiti di sempre che si legano alla scelta del focolare domestico; abbiamo incontrato Giampaolo Venturini del network Quore Immobiliare, punto di riferimento per quanto riguarda le case in affitto a Udine, al quale abbiamo rivolto alcune domande sul mercato immobiliare nella città di Udine:

Quando conviene rimanere in affitto?
Conviene stare in affitto quando ci sono incertezze o non sono molte chiare le prospettive nel futuro della persona. Si va dalla coppia che decide di sperimentarsi alle incertezze o instabilità sul versante del lavoro, che potrebbero innescare problematiche con i mutui.

Oltre che da impegni finanziari legati all'acquisto, il rimanere in affitto solleva anche da altre responsabilità, che non siano ovviamente quella di pagare l'affitto?
L'affitto solleva da diverse incombenze, dalle spese di manutenzione straordinaria alle tasse sulla proprietà, che attualmente cominciano a pesare sulle tasche.

Sempre con gli occhi di cerca una casa in affitto, meglio vuota o ammobiliata?
Anche questa scelta viene condizionata da fattori di incertezza, questa volta non economici ma legati al tempo di permanenza in un luogo e questo può dipendere da diversi motivi. In linea di massima se le previsioni di permanenza non superarno i 2 o tre anni allora è meglio optare per una casa ammobiliata.

Guardando all'attuale situazione delle quotazioni del mercato udinese, chi cerca una casa in affitto che cosa si deve aspettare?
Senza affrontare discorsi troppo complicati di "euro per metro al mese", possiamo dire di aspettarci quotazioni intono ai 400 euro al mese per i mini, dai 500 ai 600 euro per i bicamere e di 600-650 euro per i tricamere. Poi ci sono gli appartamenti di nicchia che possono arrivare anche ai 1000 euro di mensilità e oltre. Per avere un’idea più precisa dei prezzi di appartamenti e case in affitto a Udine potete consultare il sito www.quoreimmobiliare.it

Possiamo fare un raffronto tra l'oggi e i tempi di precrisi?
Con l'introduzione dell'euro gli affitti erano schizzati in alto a livelli importanti, per poi calmierarsi verso le cifre che abbiamo appena detto. Si può ritenere che da quei tempi la riduzione si possa misurare nel 15-20 per cento.

Tra i fattori che determinano variazioni nelle quotazioni sia dell'affitto che del valore degli immobili vi sono i pubblici servizi. Quali sono le zone meglio servite a Udine?
Direi quelle di sempre, centro, ovest e nord della città. Le altre zone della città, per esempio quella a sud fino a Cussignacco, hanno migliorato i servizi ma rimangono meno appetibili da parte ci cerca casa.

Quali sono i servizi principali che rendono più interessante la casa e di quanto fanno variare l'affitto?
Certamente autobus e linee ben servite determinano una richiesta superiore. In presenza di servizi l'aumento dell'affitto incide sul 10-15 per cento.

Come ha influito la certificazione energetica?
Sta cominciando ora ad avere un po' di rilevanza. Fino a qualche tempo fa non era vista come un elemento di grande importanza. Si valutava più la zona e l'esposizione. Adesso l'utenza comincia a valutare di più questi aspetti. Gli immobili di classe G vengono visti peggio che quelli con caratteristiche di coibentazione superiore.

Quindi è un dato che le chiede ai proprietari ed offre ai clienti?
Ora sì, anche perche tanti cominciano a chiederlo preventivamente.

Quali sorprese puo aspettarsi una persona che cerca casa in affitto? e in che modo l'agenzia può evitarle?
Dal punto di vista dei proprietari o locatori la sorpresa più comune è la successiva inadempienza nel pagamento dell'affitto, un problema in parte compensato dalla maggiore velocità rispetto al passato con cui vengono chiuse le cause di sfratto. L'unica strada sono delle ricerche preventive sulla persone che intende affittare anche se la situazione può sempre scappare di mano a causa della perdita del lavoro da parte di chi è in locazione. Dalla parte degli inquilini, per esempio, le sorprese possono giungere da un carico di spese condominiali superiore anche di molto a quelle che erano state indicate in fase di trattativa. Occorre quindi stare attenti a richiedere i conti prima della stipula dei contratti ed in questo le agenzie possono fare la loro parte.

Potrebbero interessarti anche...