Europa inquieta nei nuovi scenari Incontri di cultura storico-politica a Pordenone a cura dell’IRSE

Prende il via domani giovedì 16 novembre l’edizione 2017 degli Incontri di cultura storico politica dell’Irse, coordinati dal giornalista e scrittore Roberto Reale. 
Conoscere realmente l’Islam anzichè documentarsi su interpretazioni spesso capziose per potersi confrontare al meglio e progettare la convivenza. Questo il tema centrale dell’incontro con Zouhir Louassini, editorialista di L’Osservatore Romano e giornalista Rai, Alle 15.30 nell’Auditorium del Centro culturale Casa Zanussi di Pordenone (via Concordia 7). Il focus su “La presenza della religione islamica in Europa: quale dialogo possibile?”, avrà al centro dell’incontro i diritti civili troppo spesso contrapposti ai valori religiosi: si parlerà dei fondamenti intorno ai quali cercare nuovi equilibri di integrazione, e del ruolo delle donne, questione centrale nel confronto con la religione islamica. Zouhir Louassini lavora a Rai News dal 2001 ed è visiting professor in molte università italiane e straniere. Collabora con l’osservatore Romano e con Radio Medi1 (Marocco), ha scritto per quotidiani arabi come al-Hayat, Lakome e al-Alam e per El Pais.
La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, crediti di partecipazione per gli studenti. Come consuetudine, ampio spazio sarà dato al dibattito con interventi liberi. È comunque gradita l’iscrizione, facendo pervenire i propri dati a irse@centroculturapordenone.it tel. 0434 365326 Info www.centroculturapordenone.it/irse
«L’approccio scelto - osserva Roberto Reale - è quello di abbinare l’esperienza con la comunicazione: leggere il presente, nell’era dell’informazione totale, non può prescindere dalla dimensione insieme mediatica e culturale dei fenomeni. Ce lo dicono i dati sulla cosiddetta percezione dei problemi. Tutto ciò che genera paura risulta ingigantito dalla rappresentazione degli eventi, da come questi rimbalzano e vengono amplificati dai media. La sfida per ridare un avvenire di speranza all’Europa passa pure da qui: dalla capacità di far prevalere la conoscenza sugli eccessivi allarmismi». Gli incontri proseguono giovedì 23 novembre con “La costruzione mediatica di un’opinione pubblica anti-Europa”, una piccola indagine intorno agli obiettivi fondanti dell’Unione Europea: favorire la coesione delle genti del continente attraverso norme comuni economiche e in tema di diritti e libertà politica. Roberto Reale ne discorrerà con il giornalista Rai Stefano Lamorgese, esperto di multimedialità e docente universitario, impegnato nella redazione di Report. Giovedì 30 novembre ultimo appuntamento legato a “Migranti economici e rifugiati politici”. Si dice spesso “aiutiamoli a casa loro”, ma cosa sta succedendo a casa loro, e perché arrivano a casa nostra? Se lo chiederanno Roberto Reale e l’inviato TG3 Nico Piro, volto noto al grande pubblico, premio Ilaria Alpi 2008, premio Marco Luchetta 2009 e Premio Giancarlo Siani 2011, insignito lo scorso anno del premio “Best Emerging Filmaker” in occasione di “The African Film Festival” a Dallas.

Potrebbero interessarti anche...