Federalberghi Fvg: Dal mare ai monti, buoni risultati per gli operatori, dai ponti festivi

Il meteo ha regalato un anticipo d'estate anche al Friuli Venezia Giulia. E grazie pure al clima favorevole, il periodo di ponti festivi, appena terminato, ha portato risultati positivi agli hotel della nostra regione, dalla montagna al mare. A evidenziarlo è Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg: «Pur essendo ancora in un periodo "di mezzo" tra inverno ed estate, i riscontri degli hotel si sono confermati nella media, in linea con quelli dello scorso anno - spiega -. Il lungo ponte legato a 25 aprile e 1° maggio ha aiutato, così come il caldo che ha interessato le nostre località. Più di qualcuno si è mosso per le classiche gite fuori porta, questo è positivo. Fosse magari soltanto per un singolo pernotto, ma tutto aiuta ed è meglio di una stasi completa».

Schneider si sofferma anche sulle singole porzioni di regione. «Negli hotel al mare che in questi giorni hanno tenuto aperto si è registrato un buon numero di presenze, comparabili a quelle del 2017, e gli operatori si sono detti soddisfatti. Lo stesso vale per la montagna, anche perché di solito se le cose funzionano da una parte hanno riflessi benefici anche dall'altra». Il trend, in attesa dei dati ufficiali, è appunto quello di risultati in linea con quelli dello stesso periodo dell'anno passato.

Il caldo e le belle giornate dal sapore più che primaverile hanno già richiamato all'imminente estate. E ciò ha avuto riflessi positivi anche in vista dei prossimi mesi, soprattutto sulla costa: «Di certo, le temperature piacevoli e le giornate soleggiate sono un ulteriore traino per l'estate - evidenzia la presidente di Federalberghi Fvg -, le prenotazioni per il periodo già ci sono, soprattutto al mare. È altrettanto vero, però, che oggi come oggi si sta poco a disdire, anche se ci sono le caparre a garanzia. Sono tanti, ormai, quelli che prenotano tramite booking. La situazione, come si suol dire, è dunque piuttosto "liquida"». Le località marine, quindi, si preparano per una stagione dalle premesse positive: «Gli operatori di Lignano sono in larga parte contenti per le prenotazioni già ricevute - conclude Schneider -, mentre in montagna è fisiologicamente diverso. Di solito si tende a fissare la permanenza in albergo più a ridosso della vacanza e il meteo, anche in questo caso, può fare la differenza».

Potrebbero interessarti anche...