Federlavoro Fvg, Patrizia Fantin riconfermata alla presidenza. 160 le imprese associate, con oltre 3.000 soci, 2.300 addetti

Patrizia Fantin, di Fagagna, all'unanimità, è stata riconfermata alla presidenza di Federlavoro e servizi Fvg (che riunisce le 160 cooperative di settore aderenti a Confcooperative Fvg), al termine dell'Assemblea dei soci che si è tenuta a Cormòns. Le imprese aderenti a Federlavoro Fvg impegnano oltre 2.300 gli addetti con quasi 3mila soci e un valore della produzione che supera i 121 milioni di euro.
«Sul settore dei servizi in particolare – ha sottolineato la presidente Fantin – grava una burocrazia con un peso che, in certi casi, incide anche fino al 20 per cento del costo prodotto/servizi finale. Altra forte criticità, riferita in particolare a quelle imprese che lavorano con il pubblico, sono gli appalti e le storture che ancora ci sono nonostante l’avvento, nel 2016, del Nuovo Codice e i tentativi della PA di razionalizzare e “moralizzare” gli acquisti attraverso la loro concentrazione, controllo sulle procedure e l’utilizzo di piattaforme digitali: tutto questo necessita ancora oggi di una forte, decisa e concertata iniziativa di revisione del sistema dei rapporti PA – aziende. Come organizzazione – ha proseguito Fantin -, cogliamo con interesse l’opportunità costituita dall’hub portuale di Trieste (e il retro-porto allargato dell’area giuliana) che sta diventando un nodo strategico per lo sviluppo di tutta una serie di imprese non solo legate alla logistica e quindi, nel prossimo futuro, offrirà nuove opportunità per lo sviluppo di particolari business per le nostre associate lungo la cosiddetta “Via della Seta”. Su questo tema è grande anche l’attenzione della nostra Organizzazione nazionale assieme alla quale abbiamo già avviato proficui contatti e intese con i vertici dell’Autorità portuale. Infine – ha concluso Fantin -, abbiamo lanciato anche in Friuli VG il progetto nazionale Netcoop, una community dove le nostre cooperative hanno la possibilità di ritrovarsi per socializzare e fare business su una piattaforma digitale: pensiamo così di far “incontrare” le imprese in maniera più frequente e su temi di loro interesse per attivare reti e programmare percorsi comuni di sviluppo».
Dopo i lavori assembleari si è tenuta una tavola rotonda che ha approfondito il tema della: “Cooperativa tra lavoro e gioco di squadra con alcune riflessioni sull’attuale assetto tattico della nostra economia”. Tra i partecipanti: Bruno Pizzul (giornalista ed ex telecronista sportivo della Rai); Roberto Collini (giornalista ed ex direttore della Rai del Fvg); Cristina Bazzini (vicepresidente nazionale di Federlavoro e servizi – Confcooperative) e Fabio Russiani (assessore del Comune di Cormòns), coordinati da Nicola Galluà, segretario generale di Confcooperative Fvg.

Potrebbero interessarti anche...