Friuli, strade ex provinciali, assessore Mattiussi: “Sfalci in ritardo in diversi tratti”

Dalla provinciale Osovana alla sp 55, alle Valli del Natisone per arrivare alla Bassa. Sono diversi i punti in cui le strade ex provinciali transitate tra le competenze della Regione dal 1 luglio scorso, risultano trascurate per quanto riguarda gli sfalci di rotonde, fossi laterali. A denunciare la situazione il vicepresidente della Provincia di Udine Franco Mattiussi che, nei giorni scorsi, ha effettuato una ricognizione. “Sono trascorsi 3 mesi e mezzo da quando la Regione ha espropriato la Provincia della gestione delle strade e su diversi tratti si sta verificando quanto avevamo ampiamente previsto: trascuratezza, sfalci in ritardo con conseguenti problemi di sicurezza denunciati negli ultimi tempi anche da alcuni sindaci. Evidentemente l’elefantiaca organizzazione della Regione, la miriade di procedure burocratiche rallenta e complica l’operatività dei nostri efficienti ex tecnici ritardando però le risposte al territorio. Risposte che devono essere fornite specie in un settore in cui il rispetto degli standard di sicurezza deve essere al primo posto. Auspichiamo per gli utenti delle strade che questo sia un periodo transitorio; se questo è l’inizio i segnali non sono certo positivi e rassicuranti. L’esito sarà: ai cittadini sempre meno servizi e maggiori gabelle”. “C’è anche da chiedersi, stante l’arrivo dell’inverno – aggiunge Mattiussi – se la Regione si sia dotata di un piano neve adeguato a prevenire eventuali disagi e a garantire i collegamenti”.

Quanto al paventato rimbalzo di competenze tra Provincia e Regione per l’attribuzione al comune di Premariacco di un tratto di strada, Mattiussi rassicura l’assessore Zuccolo: “Nessuna melina, nessun rimbalzo di competenze e, da parte della Provincia, nessun bastone tra le ruote. L’interlocutore ora è la Regione che evidentemente non è ancora pronta a soddisfare le richieste del Comune”.

Potrebbero interessarti anche...