Il Rototom compie 25 anni. Li festeggerà in Spagna con le stelle del reggae italiano senza dimenticare le radici “friulane”

Il Rototom Sunsplash non dimentica le sue radici. In occasione della sua venticinquesima edizione, in programma dal 16 al 22 agosto a Benicàssim (Spagna), il festival reggae nato nel 1994 in Friuli Venezia Giulia e ora divenuto il più importante d’Europa, desidera condividere questo importante anniversario con chi lo ha sostenuto fin dal principio, a cominciare dal Paese che lo ospitò fino al 2009, l’Italia e quindi la stessa regione del Nord est.
Per farlo, il Rototom, che nel 2017 ospitò 220 mila persone in appena otto giorni, ha in serbo diverse sorprese, basate su una filosofia di pace, cultura, integrazione sociale e tolleranza che hanno reso il festival, nel corso degli anni, punto di riferimento a livello internazionale.

ITALIAN REGGAE ALL STARS
Innanzitutto, il 21 agosto andrà in scena l’Italian Reggae All Stars, cioè uno speciale concerto dedicato al reggae italiano. Qui saliranno sullo stesso palco grandi artisti che hanno fatto la storia della musica in levare nazionale e che hanno da sempre camminato a fianco del Rototom, sostenendolo anche quando da Osoppo (Udine) fu costretto a emigrare in Spagna nel 2010.

Non potevano mancare gli Africa Unite, la più longeva reggae band italiana che, con ben trentasette anni di attività, ha saputo accompagnare generazioni diverse di appassionati del reggae in Italia. A loro si aggiungeranno l’eleganza ska di Giuliano Palma, la regina del soul e della black music italiana Nina Zilli e il vocalist degli Almamegretta Raiz, che, fondendo le classiche vibrazioni mediterranee all’ambito dub, vanta importanti collaborazioni con Adrian Sherwood, Bill Laswell e Zion Train. Con gli Zion Train collabora anche Michela Grena, che in passato è stata vocalist di BR Stylers, una della più grandi voci del dub italiano. Ora è in forza a Wicked Dub Division e alla North East Ska Jazz Orchestra, e salirà anche lei sul palco del Rototom. A rappresentare la scena dancehall con la sua attitudine giamaicana a cui si affiancano le sue irriverenti liriche italiane, ci sarà Brusco, ex componente dei Villa Ada Posse. Dalla Sardegna arriveranno i Train To Roots, una delle band più caratteristiche della scena roots italiana. I Train To Roots saranno anche la backing band di tutto il concerto: la formazione sarda sarà integrata dai fiati di Gigi 'T-Bone' De Gaspari (Uppertones) e Stefano Cecchi (Banda Bassotti) e dalle backing vocals di Michela Grena e di Rosa Mussin (North East Ska Jazz Orchestra).

Nel corso del festival, ma con un concerto tutto suo, si aggiungerà la colonna portante del reggae italiano, Alborosie, che, come lo stesso Rototom, quest’anno celebra i suoi primi venticinque anni di carriera e che proprio per questo a Benicàssim presenterà uno show del tutto particolare. Durante il festival si esibiranno poi i Mellow Mood, band nata a Pordenone, ma da alcuni anni sempre più protagonista della scena reggae mondiale. Infine, da Roma giungeranno le Hi Shine Ladies Reggae Band, collettivo reggae tutto al femminile, e i Villa Ada Posse (con Raina, Ginko, Lady Flavia, e la backing band Madhouse Band), giunti anche loro al venticinquesimo anno di carriera.

25 YEARS WALKING TOGETHER
Sotto il tema “25 years walking together”, il Rototom ospiterà inoltre numerosi artisti internazionali. Ben Harper, Fat Freddy’s Drop, Jimmy Cliff, Orishas, David Rodigan, Protoje, Julian Marley, The Skatalites e tanti altri, omaggeranno prima di tutto la cultura giamaicana, terra da cui provengono le molteplici sonorità del reggae e a cui il Rototom deve gran parte della sua storia.

Il festival, inoltre, si dividerà in venti aree diverse, offrendo attività dedicate a tutta la famiglia, dal Magico Mundo per i bambini fino al Foro Social, luogo di incontro e di dibattito che negli anni ha avuto l’onore di ospitare, tra gli altri, i tre premi Nobel per la pace Rigoberta Menchu, Shirin Ebadi e Mohamed Ben Cheikh, lo studioso della modernità liquida Zygmunt Bauman, l’economista austriaco e ideatore dell’Economia del Bene Comune Christian Felber e l’attivista medio ambientale Vandana Shiva.

Il Rototom vuole quindi celebrare il suo primo quarto di secolo abbracciando tutti i suoi compagni di viaggio. Lo farà oltretutto rivolgendo un occhio di riguardo verso la sua terra madre, il Friuli Venezia Giulia. Per celebrare insieme questo speciale compleanno, arriveranno infatti dalla regione del Nord est i Playa Desnuda e i Northern Lights, oltre ai già citati Mellow Mood, Michela Grena e Rosa Mussin.

UN REGALO AL FRIULI VENEZIA GIULIA
Oltre a ciò, il Rototom regalerà ai residenti del Friuli Venezia Giulia, già muniti dell’abbonamento del festival, il viaggio in pullman per giungere direttamente a Benicàssim.
Il pullman conterà di 50 posti, partirà da Udine il 15 agosto alle ore 13 dal parcheggio di via del Vascello, dietro la stazione dei treni, e arriverà il giorno dopo, verso le prime ore del mattino a Benicàssim. Il viaggio di ritorno è previsto per giovedì 23 agosto, con partenza al mattino. Per iscriversi bisognerà essere possessori di regolare abbonamento settimanale completo (dal 16 al 22 agosto) ed essere residenti in Friuli Venezia Giulia. Alla partenza sarà richiesto un certificato di residenza recente (massimo sei mesi dall’emissione).

Le iscrizioni potranno essere compilate sulla pagina web del Rototom (www.rototomsunsplash.com) a partire dal mercoledì 16 maggio fino ad esaurimento posti. Al viaggio potranno partecipare anche chi ha diritto all’ingresso gratuito al festival: bambini minori di 13 anni - purché accompagnati - gli over 65, persone con oltre il 65% di disabilità ed eventuali accompagnatori certificati. Al momento della partenza, bisognerà mostrare l’abbonamento, il biglietto di viaggio e un certificato di residenza recente (massimo sei mesi dall’emissione). Il conducente del pullman potrà richiedere i documenti anche durante il viaggio. Per ottenere il certificato bisognerà rivolgersi all’ufficio competente del proprio comune di residenza.

 

Potrebbero interessarti anche...