In tilt per un fulmine ieri la centrale di soccorso unificata di Palmanova, polemiche per i presunti rischi per la popolazione

Un temporale ha flagellato ieri pomeriggio una vasta area del Friuli. Particolarmente sferzata dal vento e da fenomeni elettrici l'area di  Palmanova dove  un fulmine ha colpito l’edificio dove sono collocate le sale operative del Nue 112, dell’emergenza sanitaria e della Protezione civile. Anche se tutti i filtri di protezione elettrica hanno protetto le apparecchiature telefoniche e informatiche c’è stata una interruzione di corrente che ha coinvolto tutti i computer per cui sono state attivate le procedure di disaster recovery, commutando le telefonate sulla centrale di Brescia, per tutto il tempo necessario alla ripartenza e al controllo dei computer. Le sale operative del Nue 112 gestiscono tutte le chiamate di tutto il Friuli Vg per gli ex numeri di emergenza 112, 113, 115 e 118. Dopo circa 30 minuti, una volta completati i controlli, le centrali sono tornate alla normale operatività. Non c’è stata, comunque, alcuna interruzione di servizio, anche se, durante la fase di ripartenza si è rilevato qualche rallentamento nella gestione del servizio. Questo almeno secondo fonti ufficiali. Posizione diversa invece è stata espressa in una nota dalla associazione triestina costituzione 32  che si occupa di monitorare il sistema sanitario pubblico della regione Friuli Venezia Giulia. "Alle ore 18.50, si legge in un comunicato a firma del presidente Walter Zalukar, blocco totale della Centrale NUE 112 e SORES 118 del Friuli Venezia Giulia con deviazione a Brescia delle chiamate in arrivo 112 e da Brescia rinvio delle chiamate sanitarie a SORES 118 che però era anch'essa in black out. Di norma un fulmine interrompe l'alimentazione elettrica, per cui dovrebbero entrare immediatamente in funzione i gruppi elettrogeni e di continuità. Non pare accettabile che il sistema di ricezione dell'allarme per il soccorso sanitario per il soccorso pubblico per la sicurezza di 1 milione e 300 mila cittadini possa essere compromesso da un fulmine durante un temporale, evento certamente non raro. Credo che da domani si imponga una verifica rigorosa di quanto accaduto,di cosa non ha funzionato, di cosa bisogna fare per mettere in sicurezza il sistema".

 

Potrebbero interessarti anche...