Inseguimento rocambolesco, poi spunta la droga: coppia friulana nei guai

Non si fermano all'alt della Polizia, uno dei due prova anche la fuga a piedi e, infine, entrambi vengono arrestati dopo essere stati sorpresi con circa 60 grammi di cocaina. È il riassunto del rocambolesco inseguimento andato in scena lo scorso venerdì, il 4 novembre, e che ha messo nei guai una giovane coppia friulana.

Sono le 18.30 circa quando una pattuglia della squadra volante della Polizia, in servizio al casello di Udine Sud per i controlli sul territorio, intima l'alt a una vettura. L'auto, anziché accostare, accelera e scappa, forzando il posto di blocco. Naturale, dunque, che gli agenti si lancino all'inseguimento del veicolo, che imbocca la tangenziale e, dopo aver cercato di seminare le forze dell'ordine, conclude la sua corsa nella zona di Basaldella di Campoformido. Al volante c'è una donna, mentre sul lato passeggero siede un uomo che prova la fuga a piedi, ma viene acciuffato dagli agenti. Non finisce qui, perché lui prova a opporre resistenza e, tentando ancora di allontanarsi, finisce anche con il ferire un poliziotto.

Dopo essere riusciti a bloccarlo, gli agenti perquisiscono l'uomo e gli trovano addosso, in un involucro anche i 60 grammi di cocaina: per lui - trentenne, al pari della donna al volante - scattano le manette ai polsi, e la coppia viene accusata di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, “condita” anche da quella di resistenza a pubblico ufficiale.

Ieri, nel tribunale di Udine è stata celebrata l'udienza di convalida: il giudice ha deciso gli arresti domiciliari per l'uomo e l'obbligo di firma per la donna.

Potrebbero interessarti anche...