Integrazioni salariali: ripristinato il contributo del 70%

Le Commissioni congiunte Bilancio e Affari Costituzionali della Camera ha approvato oggi l’emendamento di Sinistra Italiana che riporta al 70%  la quota di integrazione salariale della retribuzione persa dai lavoratori a seguito della adozione dei contratti di solidarietà. Soluzione più volte adottata per salvare le aziende da situazioni di crisi altrimenti insanabili. L’ha confermato il deputato di SI, Gianni Melilla: “In questo modo si si recupera al grave errore fatto col Jobs Act".

Secondo il parlamentare, tale provvedimento dell’esecutivo: "ha penalizzato il trattamento riservato ai lavoratori con la diminuzione dell'importo salariale. Con il sì all'emendamento "si viene incontro alle giuste esigenze dei lavoratori e delle imprese per gestire senza eccessive penalizzazioni salariali, le ristrutturazioni industriali di tante aziende in crisi. Sono particolarmente soddisfatto per questa scelta di giustizia sociale operata dal Parlamento, conclude Melilla.
E’ sperabile che con tale modifica, l’utilizzo di questo strumento di salvataggio per le imprese venga usato di più e meglio.

Potrebbero interessarti anche...