La Fondazione Friuli riporta le Frecce nelle scuole

La Fondazione Friuli (ex Fondazione CRUP) rinnova il progetto con “Le Frecce Tricolori”. Si tratta di un progetto con le scuole superiori delle province di Udine e Pordenone per affiancare i giovani nel loro percorso di crescita in un momento in cui si fa più urgente la necessità di rafforzare i valori fondamentali per lo sviluppo della società.

Continuano le novità a Palazzo Cantarini a Udine. La neo nata Fondazione Friuli, infatti, ex Fondazione Crup, conferma la propria presenza sul territorio riproponendo, per il sesto anno consecutivo, un percorso di incontri tra gli studenti delle scuole superiori e i piloti della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN), più notoriamente conosciuta come “Le Frecce Tricolori”, in collaborazione con un partner essenziale come l’Ufficio Scolastico Regionale.
Presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa, il progetto didattico “A Scuola con le Frecce Tricolori” è stato costruito grazie ad un lavoro di rete con gli istituti del territorio, e si svilupperà attraverso una serie di incontri a cui parteciperanno circa 1.800 studenti di 8 istituti superiori delle province di Udine e Pordenone.
L’iniziativa ha l’ambizione di offrire uno spunto di riflessione che accompagni i giovani nel loro percorso di crescita, proprio in un momento in cui si fa più urgente la necessità di rafforzare quei valori che sono necessari allo sviluppo della società: solidarietà, famiglia, collaborazione. I piloti de “Le Frecce Tricolori” testimoniano ed incarnano esattamente quei valori, che stanno alla base della loro difficile professione: la passione, il coraggio e la dedizione, tutti fondamentali per raggiungere traguardi prestigiosi, nel rispetto delle regole e delle persone, con senso del dovere e spirito di sacrificio.
Tra gennaio e marzo 2017, dunque, i piloti entreranno nelle scuole per portare ai giovani studenti il loro esempio e per trasmettere i segreti che fanno funzionare una ''squadra perfetta'' come la PAN. Dopo aver vissuto la magia del volo osservando i 10 velivoli del 313° Gruppo Addestramento acrobatico Frecce Tricolori librarsi in aria e compiere evoluzioni dalla straordinaria perfezione, raccolte in un video esemplificativo, gli allievi saranno invitati a riflettere sul valore dell’impegno e della motivazione personale per il raggiungimento di risultati grazie alla testimonianza del Comandante magg. Mirco Caffelli o di uno dei Piloti della formazione acrobatica de “Le Frecce Tricolori”, che costituiscono un vero patrimonio sociale e culturale dell’Italia e del Friuli.
Il presidente Lionello D’Agostini sottolinea come «assumendo il nome di “Fondazione Friuli”, intendiamo rimarcare la cifra del nostro territorio, fatta di operosità, di sobrietà, di rigore morale e di saldi valori, riconosciuta e apprezzata oltre i nostri confini, in tutto il mondo ove il destino ha trascinato i nostri emigranti di ieri e di oggi, portando con sé i segni inconfondibili di questo popolo. – prosegue D’Agostini - Assieme alle Frecce Tricolori riproponiamo, dunque, la nostra tradizione tra i giovani e con i giovani, cogliendo questo momento di trasformazione per riposizionarci: su basi storiche e valori immutabili, ma con una “vision” nuova, dinamica in un contesto sociale rinnovato.»

Potrebbero interessarti anche...