Lavoro: Assessore Panariti annuncia maggiore flessibilità per Cig in deroga in Fvg

Nuove modalità per l’utilizzo della Cassa integrazione guadagni (Cig) in deroga sono state sottoscritte ieri, in sede di Tavolo regionale di Concertazione, alla presenza dell’assessore al Lavoro del Friuli Venezia Giulia, Loredana Panariti. Le nuove modalità sono improntate ad una maggiore flessibilità al fine di indirizzare lo strumento ad una più ampia platea di beneficiari.
Nel dettaglio vengono riconosciute tre condizioni per quello che, di fatto, risulta essere un significativo ampliamento della possibilità di utilizzo dell’ammortizzatore sociale.
In primo luogo sono state prese in considerazione l’area di crisi industriale complessa di Trieste e le situazioni di grave difficoltà occupazionale dichiarate con decreto dell’Assessore regionale: in tali ambiti viene prevista la possibilità di concedere, per ciascuna unita produttiva, un numero massimo di 90 giornate di cassa effettivamente fruibili nell’ambito di un periodo di calendario della durata massima di 5 mesi, con inizio tassativo fra il 27 e il 31 dicembre 2016 e con possibile conclusione nel 2017. Le nuove concessioni di Cig in deroga non devono sovrapporsi, nemmeno parzialmente, a quelle già disposte.

Per gli altri casi, non rientranti né nell’area di crisi industriale complessa di Trieste né il alcuna situazione di grave difficoltà occupazionale, viene prevista la possibilità di concedere per ciascuna unità produttiva un numero massimo di giornate di cassa effettivamente fruibili pari a 60 nell’ambito di un periodo di calendario della durata massima di 4 mesi, con anche in questo caso inizio fra il 27 e il 31 dicembre 2016 e con possibile conclusione nel 2017, a condizione che – alla data del 27 dicembre 2016 – risultino essere stati utilizzati almeno due dei tre mesi di Cig in deroga ordinariamente disponibili. Rimane fermo il limite per cui le nuove concessioni dell’ammortizzatore sociale non devono in nessun modo sovrapporsi a quelle già disposte.

Inoltre, per accompagnare l’avvio del processo di revisione della normativa regionale in materia di formazione professionale, viene istituita la possibilità di concedere agli Enti di formazione accreditati un periodo massimo di tre mesi di Cig in deroga (da quantificarsi in 90 giornate) che abbia inizio fra il 27 dicembre 2016 e il 31 dicembre 2016, con possibile termine nel 2017.

In tutte e tre le casistiche sarà possibile la sottoscrizione di un solo accordo per unità produttiva. Le relative domande potranno essere presentate perentoriamente entro il 31 gennaio 2017.

A tal riguardo i fac-simile degli schemi dell’accordo sindacale specificamente previsti per l’intervento di Cig in deroga saranno resi immediatamente disponibili nell’apposita sezione del sito istituzionale della Regione.

Infine, è stata elevata da 2 a 3 mesi la durata massima del trattamento di mobilità in deroga per i lavoratori disoccupati, provenienti da aree di crisi, che abbiano esaurito gli ordinari ammortizzatori sociali, a condizione che si iscrivano e frequentino regolarmente percorsi di politica attiva del lavoro.

Potrebbero interessarti anche...