Legge elettorale: franchi tiratori alla Camera. Renzi polemico: grillini hanno cambiato idea in due giorni

Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco, si potrebbe sintetizzare così la prima giornata di votazioni sulla nuova legge elettorale promossa da un pker, Pd, Fi, Lega e M4s che si potrebbe trasformare in un tris probabilmente non vincente. Infatti il primo voto segreto dell'aula della Camera sulle pregiudiziali di costituzionalità alla legge elettorale non è un buon segnale per l'inedita maggioranza a quattro. In linea teorica infatti Pd, M5S, Fi e Lega dovrebbero contare su 449 deputati. Il Pd ne ha 292, M5S 88, Fi 50 e Lega 19. Le pregiudiziali di costituzionalità sono state bocciate alla Camera con soli 310 voti contrari. L'aula della Camera dovrà esprimersi su circa 210 emendamenti. In realtà, fatti i conti, al netto dei deputati in missione, qualche malattia, alla maggioranza che sostiene la riforma della legge elettorale, sono mancati ben 66 voti sulle pregiudiziali. Renzi è sicuro che i 66 non siano suoi, anzi punta il dito contro i grillini: "I grillini cambiano idea sulla legge elettorale che loro stessi hanno voluto e votato. Sono passati due giorni e già hanno cambiato posizione? Due giorni!"

leggi il seguito dell'articolo

Potrebbero interessarti anche...