Lettere Mediterranee 2017 a Cervignano del Friuli: i grandi nomi della cultura

Lettere Mediterranee
A latere di Onde Mediterranee Festival, sezione dedicata alla musica, "Lettere Mediterranee" vuol essere un momento di riflessione e dialogo con personalità della letteratura, della cultura, della ricerca, del giornalismo che indaga sui rapporti del mondo occidentale con la storia, le problematiche e le trasformazioni sociali, culturali ed economiche del Sud del mondo.
La manifestazione si articola su tre giornate a partire dal giorno 20 luglio sino al 22 luglio, a Cervignano del Friuli (UD).
Il tema di fondo è la migrazione, tra cause e drammatiche implicazioni. Gli incontri si focalizzareno su tre punti principali: a) questione siriana; b) tortura; c) critica dell’attuale modello di sviluppo globalizzato e sbocchi possibili (prefigurazioni ideali ma anche passaggi concreti a nuove realtà che coinvolgano concezioni evolute del lavoro, dell’economia, dell’ambiente).
Lettere Mediterranee si avvale del Coordinamento scientifico e conduzione di Fabio Turchini ed è un Progetto di Giancarlo Velliscig con la collaborazione di: Camilla Cojaniz e PaolaGandolfi
Comunicazione:  Marina Tuni
www.ondemediterranee.it

Programma

giovedì 20 luglio 2017
Teatro Pasolini, ore 18.30
Per quale via.
Comprendere la questone siriana.
Conversazione con Farouk Mardam-Bey, Parigi (già Bibliotecario all’Isttuto di Lingue e Civiltà Orientali e direttore della Pubblicazione “Revue d’études palestiniennes”, consigliere culturale presso l’Istituto del Mondo Arabo, dirige “Actes Sud”, la collana “Sindbad” dedicata principalmente alla traduzione della letteratura araba classica e contemporanea).
Elisabetta Bartuli, Venezia (arabista, dottore in Lingue e Letterature Orientali presso Ca’ Foscari, si occupa di letteratura araba contemporanea e di problematiche interculturali).
Riccardo Cristiano, Roma (giornalista Rai, collaboratore di RESET, autore del libro “Siria. L’ultimo genocidio”).
Paola Gandolfi , Bergamo (professore associato del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università di Bergamo, esperta in Antropologia e politiche educative del Maghreb e del Medio Oriente).

venerdì 21 luglio 2017
Teatro Pasolini, ore 18.30
Per quale futuro.
Percorsi per un domani possibile.
Conversazione con
Loris De Filippi, Udine (Presidente di Medici Senza Frontiere Italia).
Alberto Felice De Toni, Udine (Magnifi co Rettore dell’ Università degli Studi di Udine).
Pierluigi Di Piazza, Udine (Fondatore e Presidente del Centro Balducci di Accoglienza e Promozione Culturale #Zugliano, laurea honoris causa dall’Università di Udine in “economia della solidarietà”).
Maurizio Pallante, Roma (Presidente emerito del “Movimento per la decrescita felice”, collabora con Carterpillar ed è membro del comitato scientifico del progetto “M’illumino di meno”).

sabato 22 luglio 2017
Teatro Pasolini, ore 18.30
Per quale uomo.
Libera tortura.
Conversazione con
Alessandra Ballerini, Genova (avvocata Adif - Associazione
Diritti e Frontiere - e consulente di Terre des Hommes).
Gianpaolo Carbonetto, Udine (giornalista e blogger, saggista, inviato ed esperto di vicende balcaniche e del mondo arabo).
Gianfranco De Maio, Roma (responsabile medico
di Medici Senza Frontiere Italia).
Marco Tarquinio, Roma, (giornalista, direttore del quotdiano L’Avvenire).

Foyer del Teatro Pasolini, ore 11.00
Libri con l’autore a cura di Camilla Cojaniz
Incontro con:
Giovanna De Simone, Avanti il prossimo, Storie di ordinaria
prostituzione, BiancaeVolta Edizioni

Potrebbero interessarti anche...