Il M5s vota contro al sostegno al Festival “Verdi” di Parma e Busseto e al Roma Europa Festival. Pellegrino: siamo al trionfo dell’anticultura

Le dinamiche con cui il M5s si approccia ai problemi sono spesso incomprensibili quando non contraddittorie. Così in realtà non ci meraviglia quanto denunci in una nota la parlamentare Serena Pellegrino di Sinistra Italiana.
“Durante l’approvazione alla Camera dei Deputati della legge  che ha stabilito il sostegno e la valorizzazione del Festival “Verdi” di Parma e Busseto e del Roma Europa Festival, spiega Pellegrino, si è celebrato il trionfo dell’anticultura: il Governo si mostra disponibile ad un intervento economico per mantenere in vita la cultura musicale italiana riconosciuta in tutto il mondo e il Movimento 5 Stelle vota contro.”
“La storica frase “con la cultura non si mangia” è evidentemente un dictat insormontabile, e preoccupa vedere quanto condizioni l’operato di deputati la cui età media non raggiunge i 35 anni.  Evidentemente questo partito non è in grado di comprendere dove devono essere destinate le risorse per generare e garantire Lavoro, crescita Culturale, Ricchezza, Armonia, Pace…in una parola Bellezza: probabilmente questo è il risultato di un trentennio totalmente depauperato di cultura.  Il paradosso è che le norme votate oggi riguardano anche l’amministrazione comunale di Roma ed il suo Roma Europa Festival!” “Il voto del M5S   – conclude Pellegrino – ci costringe a riflettere sul fatto che con questi presupposti la nostra società è avviata alla decadenza, al declino delle sue migliori potenzialità ed energie. In realtà tutto ciò se per un verso mi addolora profondamente, contemporaneamente  non mi stupisce:  quando chiesi la firma per sostenere la proposta di legge per il riconoscimento della “Bellezza in Costituzione” ho trovato la porta chiusa.”

Potrebbero interessarti anche...