Mercato del lavoro in Fvg risale la cassa integrazione

redazionefriuliserainfo@friulisera.it
L’utilizzo degli ammortizzatori sociali in regione ha ripreso a salire nel periodo estivo. Ad agosto, infatti, le ore di cassa integrazione autorizzate in Fvg hanno superato i 2,4 milioni, il livello più elevato raggiunto da settembre 2015 a oggi. Nei primi otto mesi del 2016 in regione sono state complessivamente autorizzate 12,5 milioni di ore di cassa integrazione guadagni, un numero di poco inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (-8,1%). Lo rileva una rielaborazione Ires Fvg su dati Inps del ricercatore Alessandro Russo.
cig. Premettendo che l’utilizzo delle ore di Cig è un significativo termometro dello stato di salute dell’industria, Russo rileva che la Cig ordinaria è diminuita molto tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016 a causa dell’entrata in vigore (il 24 settembre 2015) del D.Lgs. 148/2015 e del conseguente rallentamento delle attività amministrative di concessione di tale ammortizzatore. Inoltre, la durata massima dei trattamenti ordinari e straordinari è stata ridotta a 24 mesi in un quinquennio, mentre la platea dei beneficiari ampliandola agli apprendisti assunti con contratto di apprendistato professionalizzante. L’anno scorso, poi, erano crollate le ore di cassa integrazione in deroga, in quanto tali interventi fino a maggio erano stati praticamente azzerati a causa della mancanza di finanziamenti. A livello territoriale Trieste è l’unica provincia che evidenzia un deciso aumento delle ore autorizzate (+17,1%), Pordenone (-2,4%) e Udine (-3,9%) mostrano delle lievi diminuzioni, Gorizia registra invece una flessione particolarmente accentuata (-60%). La dinamica della provincia di Trieste dipende dagli incrementi delle ore di Cigin deroga (che sono raddoppiate) e soprattutto della Cig straordinaria (+31,3%, in particolare nel settore della meccanica e nell’industria cartaria). Significativo è anche l’andamento registrato in provincia di Udine, l’unica in cui crescono le ore di cassa integrazione ordinaria (sono raddoppiate); tale incremento è concentrato nell’edilizia e in due importanti settori come la meccanica e la metallurgia.
assunzioni.
A conferma delle difficoltà del momento, nei primi 7 mesi del 2016 le nuove assunzioni a tempo indeterminato (nel settore privato esclusa l’agricoltura e il lavoro domestico) in Fvg risultano in calo del 38,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, evidenziando una flessione più marcata rispetto a quella nazionale (-33,7%). Tale risultato è in parte dovuto alla forte accelerazione di assunzioni alla fine del 2015 e alla successiva riduzione degli incentivi l’anno successivo. Inoltre bisogna considerare che la fase di ripresa dell'economia, cominciata nel 2015, appare già indebolita negli ultimi mesi secondo le principali analisi disponibili. Questo peggioramento del contesto macroeconomico ha avuto dei riflessi anche sul mercato del lavoro.
Nei primi sette mesi del 2016 risultano comunque in leggera crescita in regione le assunzioni a termine (+1,6% contro il +0,9% nazionale) e in sensibile aumento quelle degli apprendisti (+13,8%, in Italia +15,4%)

Potrebbero interessarti anche...