Mercoledì mezza Carnia senz’acqua, lavori straordinari per riparare le perdite nell’acquedotto della Valle del But

Mercoledì prossimo 15 novembre 2017 i Comuni di Tolmezzo, Arta Terme, Paluzza e Zuglio resteranno senz’acqua nei rubinetti. Il motivo un intervento di manutenzione straordinaria da parte del gestore delle reti idriche CAFC in montagna per risolvere in maniera definitiva il problema delle perdite d’acqua dell’acquedotto “Alto But” . L’intervento è stato programmato a seguito di una ricognizione tecnica dell’acquedotto “Alto But”, alimentato dalla sorgente “Fontanon di Timau”, a seguito della quale è emersa la necessità di operare con lavori urgenti per consentire il corretto utilizzo dell’infrastruttura ed evitare sprechi dell’importante risorsa. L’operazione consisterà nella sostituzione di organi idraulici vetusti e nella riparazione di perdite sulle condotte in maniera si spera risolutiva. Verranno impiegati sul campo oltre trenta addetti specializzati.
Per svolgere questa attività l’erogazione d’acqua verrà inevitabilmente sospesa, come accennato in apertura, in alcune località dei Comuni di Arta Terme, Paluzza, Tolmezzo, Zuglio nella giornata di mercoledì 15 novembre 2017. Lo stop inizierà dalle ore 7 della mattina a valle dell’interruttore di Muse (località del Comune di Paluzza) fino alle ore 18 circa. Queste nello specifico le località che rimarranno senza acqua nei 4 Comuni: nel Comune di Arta Terme resteranno senz’acqua Piano d’Arta fino a Via Marconi limite sud; nel Comune di Paluzza resterà senz’acqua tutto il Comune escluse le frazioni di Timau, Cleulis, Rivo, Englaro; nel Comune di Tolmezzo saranno interessate dalla sospensione le frazioni Terzo, Lorenzaso, Casanova; nel Comune di Zuglio saranno tre le utenze senz’acqua nella parte alta collegate su adduzione. Il Presidente di CAFC, Salvatore Benigno, sottolinea in una nota come “la nostra attenzione verso tutti i territori e tutti gli utenti è massima, come conferma anche questo intervento finalizzato a garantire a tutti i sistemi di distribuzione idrica serviti dalla condotta dell’acquedotto di valle”.
Si tratta di un intervento dalle vaste proporzioni con l’impiego di un massiccio numero di personale all’opera lungo tutta l’asta dell’acquedotto, in modo da concentrare le attività e limitare il fuori servizio della condotta ad un solo un giorno lavorativo (mercoledì 15 novembre), con l’obiettivo di ridurre al minimo i disagi per i cittadini. CAFC rende noto che al riavvio delle condotte potrebbero verificarsi temporanei disservizi correlati allo svuotamento delle tubazioni, risolvibili lasciando semplicemente correre l’acqua per alcuni minuti.

Potrebbero interessarti anche...