Mobilitazione artistica e artisti di strada militanti


Chiamata alle arti di Mathias PDS

Mathias PdS, dopo aver partecipato attivamente all’evento “Sicilia brucia d’amor”, organizzato e promosso da Trinart e CollettivoCapa, è tornato sui propri passi e chiama alle arti una ristretta cerchia fra organizzatori e artisti di strada.

Il fine è di costituire un collettivo che possa operare sul piano nazionale, affrontando problematiche attuali e sensibilizzando gradualmente, a suon di parole e colori, l’opinione pubblica circa i temi trattati. Spunta, pertanto, una nuova locuzione, Mobilitazione artistica, che sarà atta a testimoniare, come facilmente presagibile dalla solidità delle parole che la costituiscono, una nuova ondata di street art più mirata e sicuramente maggiormente concentrata nell’affrontare tematiche a sfondo sociale. «L’impegno è quello di mettere in luce la cruda tangibilità del quotidiano» dichiara lo stesso artista e, ancora, «per uno sviluppo armonico di tale progetto sarà necessaria la compartecipazione attiva fra validi organizzatori e artisti che, pertanto, verranno arruolati come militanti artisti.»

Trattasi, dunque, di una vera e propria chiamata alle arti, probabilmente necessaria visto i tempi che corrono, in quanto collettivi di effimera durata nascono e periscono frequentemente nell’underground contemporaneo. In questo caso, forse, Mathias vuole farci intendere l’importanza di costituire un collettivo di lunga vita e lungimirante, composto da pochi ma selezionati artisti e intento a muoversi con l’impeto di una vera e propria mobilitazione. Di seguito alcune delle opere realizzate durante l’evento “Sicilia brucia d’amor”, a Castellammare del Golfo.

Potrebbero interessarti anche...