Nessuno escluso. La Biblioteca dell’Accoglienza sabato in Polveriera Garzoni a Palmanova

Sarà la grande Biblioteca dell’Accoglienza l’evento conclusivo di Nessuno escluso, il progetto di LeggiAMO 0-18 sostenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dedicato ai temi dell’accoglienza e ai Comuni con un’alta intensità di bambini figli di migranti. Giunto alla sua seconda edizione ha scelto i territori di San Giovanni al Natisone e Palmanova come laboratori di convivenze interculturali.

Sabato 2 dicembre dalle 16 (su più turni) alla Polveriera Garzoni di Palmanova oltre 500 bambini dell’istituto comprensivo della città, chi con gli insegnanti, chi con i genitori, chi con gli amici (ma tutta la cittadinanza è invitata) parteciperanno alla grande Biblioteca dell’Accoglienza: un momento per condividere e raccontare, lungo un labirinto di narrazioni, le proprie storie e geografie, senza parole, attraverso il linguaggio universale di un silent book. È in questo genere di libri infatti che Nessuno escluso ha trovato lo strumento capace di raccontare, oltre le barriere linguistiche, esperienze educative volte a costruire una cultura del dialogo e dell’integrazione.

“Un grande evento conclusivo nel quale condividere le esperienze, nel quale i bambini e i propri insegnanti e genitori avranno l’occasione di fare proprio un messaggio di inclusione come dimensione che deve appartenere alla vita di ognuno. Verranno illustrati i progetti realizzati e organizzati momento di riflessione e scambio sull’esperienze realizzate” commenta Adriana Danielis, assessore alla cultura del Comune di Palmanova.

Un percorso che si è sviluppato tra mostre, momenti formativi per insegnanti e laboratori rivolti ai più piccoli e alle loro famiglie. Per tutto il mese di novembre, in municipio a Palmanova, si è potuta visitare Libri senza parole. Destinazione Lampedusa – Nessuno escluso, una mostra che raccoglie il meglio della produzione mondiale di libri senza parole editi negli ultimi anni, e che arriva ora in Regione con una selezione di cinquanta titoli, grazie al progetto promosso da IBBY Italia in collaborazione con IBBY International nato per promuovere la cooperazione internazionale attraverso i libri per bambini e adolescenti, con l’idea di creare una selezione dei migliori silent book e costruire una biblioteca per i ragazzi e le ragazze di Lampedusa, isola scelta per la sua valenza altamente simbolica, rappresentativa di tutti i luoghi remoti e di frontiera.

Particolarmente interessante è stato l’intenso coinvolgimento delle famiglie che, durante i laboratori condotti dagli esperti di Damatrà, hanno realizzato insieme ai bambini, storie capaci di far crescere racconti e conoscenza del mondo in ogni luogo e in ogni lingua, attraverso la potenza delle immagini. E sabato 2 dicembre questa narrazione per figure che si snoda attraverso un lungo labirinto di cartone, sarà un’occasione per condividere insieme alla città il valore delle differenze, delle diverse identità e culture.

Un progetto di valore insomma Nessuno escluso che vuole avvicinare le famiglie alla scuola e ai servizi del territorio e al contempo creare occasioni d’incontro, ridimensionare stereotipi e pregiudizi e alimentare la curiosità, partendo proprio dalla lettura e dai libri quali importanti strumenti di inclusione sociale.

Potrebbero interessarti anche...