I nuovi negozi di prossimità la “formula trentina” in Fvg

redazionefriuliserainfo@friulisera.it
Da Confcooperative di Udine la richiesta di far rinascere i negozi di prossimità in chiave cooperativa, importando il regione il “modello” Trentino. «Per intenderci - spiega Flavio Sialino, presidente di Confcooperative Udine - quello che permette ancora oggi a molti piccoli paesi di mantenere i loro negozi di prossimità». Questo l’obiettivo dell’iniziativa presentata oggi da Confcooperative che, a Udine, ha riunito le “piccole” cooperative di consumo (6 cooperative, 6,3 milioni di fatturato, attive a Forni di Sopra, Enemonzo, Artegna, Savorgnano del Torre, San Giovanni al Natisone e Premariacco). Dialogando direttamento con gli esperti della Federazione trentina della cooperazione, l’obiettivo è quello di sperimentare a breve un modelli replicabile in molte comunità del Fvg, specialmente di quello montano. «In regione - prosegue Sialino - si registra una delle percentuali più alte di incidenza della grande distribuzione sul mercato complessivo, eppure molti piccoli centri sono totalmente scoperti e in questo scenario, già nell’ultimo biennio, diversi punti vendita sono stati riaperti grazie all’iniziativa di cooperative locali, per fare un servizio alla comunità».
Per l’organizzazione le piccole cooperative di consumo, e i piccoli negozi che possono essere riaperti, devono diventare cooperative di comunità, capaci di fornire un’ampia serie di servizi a località marginali o isolate dove l’assenza di vari servizi essenziali è spesso concausa dello spopolamento.
Dalle esigenze di tanti centri del Fvg nasce la necessità e la voglia di queste imprese di cambiare pelle assumendosi il ruolo di mantenere vive e valorizzare le comunità locali. Una strada già percorsa con successo dalla cooperazione trentina di consumo (le famose “Famiglie cooperative”) alla quale si affidano le cooperative friulane come modello di riferimento.
«Scegliamo di guardare con interesse all’esperienza del Trentino, dove le piccole realtà cooperative resistono con efficacia e continuano ad avere un ruolo fondamentale per la vita sociale delle comunità in cui operano – conclude Sialino – e il nostro impegno è indirizzato a promuovere tutte le potenzialità della cooperazione di consumo».

Potrebbero interessarti anche...