Omicidio suicidio a Udine. Marito uccide la moglie e poi si spara nello studio del notaio Amodio

La vittima Donatella Briosi

Spara alla moglie alla nuca e poi si toglie la vita. E' avvenuto a Udine in pieno centro all'interno degli uffici del notaio Amodio in via Rialto. A compiere l'orrendo gesto Giuliano Cattaruzzi 80 anni che si trovava nello studio con la moglie ed altre persone per stipulare un atto di vendita di un immobile. La donna Donatella Briosi 64 anni di professione sommelier è morta sul colpo così come lo stesso Cattaruzzi che era un affermato architetto. A quanto si è appreso dai testimoni presenti, il fatto è avvenuto alle 10.15. Secondo le prime informazioni la coppia si trovava dal notaio per stipulare un atto di vendita di un immobile di proprietà comune, a Tarcento in vista della imminente separazione legale. Ed in effetti oltre alla coppia al notaio Tania Andrioli e agli acquirenti dell'immobile pare vi fossero due avvocati, uno della Briosi e l'altro del Cattaruzzi.
Secondo i frammentari racconti dei presenti che sono in comprensibile stato di choc durante le operazioni relative all'atto il Cattaruzzi si è alzato e senza proferire verbo ha puntato la pistola alla nuca della moglie, sparando due colpi. Poi ha rivolto l'arma contro se stesso sparandosi in bocca.
A quel punto è stato il panico e tutti sono sono scappati dallo studio in strada a quel punto si sono registrati momenti di panico in via Rialto, con i passanti che dopo aver sentito i colpi di pistola e le urla sono fuggiti in ogni direzione.
Fra l'altro uno dei colpi esplosi avrebbe colpito di striscio anche uno dei presenti, pare uno degli avvocati. La polizia è accorsa a sirene spiegate così come le ambulanze del 118. Nella tragica "esecuzione" avvenuta al secondo piano del palazzo che ospita lo studio notarile, è rimasto ferito uno degli avvocati, Silvia Pajani : avrebbe riportato una ferita di striscio.

Potrebbero interessarti anche...