Pegorer vs Honsell e Lauri: I due supporter del PD hanno in mente solo geometrie politiche non il mondo reale

Sulle posizioni espresse dal sindaco di Udine Honsell e  dal consigliere regionale Lauri interviene il senatore Carlo Pegorer di "Liberi e uguali". "Per l'ennesima volta - osserva il senatore Pegorer - Honsell e Lauri ci aggiornano sulla loro azione e sulle loro volontà a favore di una coalizione a guida Pd. Ciò viene fatto rimanendo sempre sul piano delle geometrie politiche e senza mai scendere nel mondo reale. Sarebbe allora il caso che cominciassero a praticare la realtà. Una realtà, che anche nella nostra regione ci mostra le difficoltà delle famiglie, dei più deboli e, in modo particolare, delle giovani generazioni che non riescono a trovare un lavoro, o che vengono soggetti a lavori mal pagati, costretti al precariato perenne o ad andare all'estero. Bisogna ripartire da questo, dalla consapevolezza che questa amministrazione regionale ha trascurato nei fatti le politiche sociali, ha messo in piedi una riforma sanitaria che sta creando disagi tra i cittadini e il personale sanitario.
Parliamoci chiaro - continua Pegorer - il centrosinistra in Friuli Venezia Giulia ha collezionato negli ultimi anni una serie di sconfitte impressionanti e ancora oggi il Pd si rifiuta di guardare in faccia la realtà e di correggere la rotta. Serve - spiega il senatore di "Liberi e uguali" un programma che intervenga sulle diseguaglienze e rafforzi il welfare, crei lavoro stabile e sicuro e serve, soprattutto, un bagno di umiltà e di rispetto verso i cittadini. Se vogliamo ricostruire il centrosinistra si deve ripartire scrivendo un programma nuovo, scegliendo candidature condivise e un percorso comune: non ci devono essere primedonne che si auto candidano a primarie di facciata, ma persone consapevoli della difficoltà del momento e delle scelte innovative da fare.
Ci sono energie nuove in Friuli Venezia Giulia che vanno coinvolte in un processo partecipativo e condiviso, non si vince mettendo la testa sotto la sabbia e accodandosi al candidato che il Pd si è scelto da solo. 
C'è ancora un aspetto importante - conclude Pegorer - tra pochi mesi ci saranno le elezioni nazionali dove avremo da una parte Renzi e le sue politiche fallimentari e dall'altra chi come "Liberi e uguali", con la candidatura di Piero Grasso, sta unificando le forze di sinistra per dare una reale alternativa all'elettorato progressista. Honsell e Lauri farebbero bene a dire da che parte stanno"

Potrebbero interessarti anche...