Pericolo siccità scongiurato, ma il tempo resta imprevedibile

“Febbraio è stato un mese molto piovoso, con alcuni record storici per qualche località, e ha controbilanciato il lungo periodo siccitoso precedente”.
È l’analisi che giunge dall’Osmer Arpa Fvg dopo i timori degli scorsi mesi, caratterizzati da mesi senza precipitazioni.
In alcune zone come lungo la sinistra Tagliamento tra Codroipo e San Daniele, la piovosità è stata addirittura di cinque volte superiore alla norma.
Insomma, preoccupazioni sul rischio siccità accantonate per l’immediato futuro, anche se, come spiega ancora il team di meteorologi, “sarebbe fuori luogo fare previsioni più a lungo termine”.
Fra sabato pomeriggio e lunedì sera (in 48 ore circa), sulle Prealpi Carniche sono caduti in media 150 millimetri di pioggia - con il picco di 200 sul Piancavallo -, mentre nell’area di pianura a cavallo del Tagliamento fra le province di Udine e Pordenone la forbice va dai 100 ai 150 mm; 100 mm in media nella pianura pordenonese. Sulla fascia orientale i valori vanno dai 60 agli 80 millimetri, mentre su bassa pianura e costa si spazia dai 40 ai 60 mm.
Per quanto riguarda la neve, lo spessore di “fresca” in un paio di giorni, oltre i 1.500 metri ha raggiunto gli 80 cm, con il picco di 100 cm sul Canin (dove lo strato totale è di 3 metri), e non sono mancati i fiocchi bianchi nemmeno a quote inferiori: ciò, oltre a regalare il sorriso alle stazioni sciistiche, in vista del rush finale della stagione, ha rimpolpato ulteriormente le riserve d’acqua immagazzinate in quota.
Intanto, dopo la tregua di oggi, nei prossimi giorni il Friuli Venezia Giulia sarà interessato da due nuove perturbazioni che porteranno ulteriori e consistenti precipitazioni. La prima è attesa fra la notte di mercoledì e la mattinata del giorno seguente; un ulteriore fronte atlantico si affaccerà sabato sulla nostra regione. Complessivamente, si potrà registrare oltre un metro di neve fresca sopra i 1.500 metri (orientativamente mezzo metro a quote inferiori), mentre il quantitativo di pioggia dovrebbe rimanere dell’ordine dei 100 millimetri sulla media e alta pianura: “Le precipitazioni - sottolineano dall’Osmer Arpa Fvg - saranno di buona portata, intense ma non eccezionali. I dettagli li conosceremo giorno per giorno con maggior precisione”.
In arrivo, dunque, ulteriori scorte idriche: il pericolo di siccità sembra davvero scongiurato. Per la tarda primavera è, invece, impossibile fare qualsiasi sorta di proiezione.

Potrebbero interessarti anche...