Pordenone: Infranti da mano vigliacca i vetri della auto dei volontari della Croce Rossa impegnati nella distribuzione viveri a immigrati e senza tetto

Come ogni sera i volontari della Croce rossa di Pordenone sabato erano impegnati nell'attività di distribuzione di cibo e generi di conforto a senzatetto, immigrati e richiedenti asilo quando si sono uditi forti rumori di vetri infranti provenienti dall'esterno. A finire in frantumi i lunotti delle auto parcheggiate. Sono stati distrutti i vetri di cinque vetture: due si trovavano nel parcheggio interno della sede della Croce Rossa di via Cappuccini, altre tre nelle immediate vicinanze ma tutti nei posti dove abitualmente parcheggiano i volontari dell'associazione. Ad entrare in azione sarebbe stato un vandalo solitario, che si è dato alla fuga subito dopo la sua “eroica” azione. Immediata la solidarietà ai volontari. Sinistra Italiana - Liberi e Uguali di Pordenone hanno espresso in una nota piena solidarietà ai volontari vittime di un atto intimidatorio vile. “Negli ultimi anni contro chiunque si occupi di accoglienza e solidarietà, si legge ancora nella nota, sono volate pietre metaforiche, ieri sera invece sono volate pietre vere. E' stato creato ad arte un clima infame e gli autori hanno dei nomi e cognomi che tutti conosciamo, con la complicità di troppa parte del sistema mediatico a cui piace raccontare una città dominata da sceriffi e banditi”. “C’è chi continua a soffiare, si legga ancora nella nota di Liberi e Uguali, sul sempre florido braciere della xenofobia, dell'odio verso i poveri cristi della nostra città, barricandosi dietro slogan come “prima gli italiani”, alimentando una guerra tra ultimi. E mentre ci distraggono continuano a toglierci tutto: diritti e dignità. È tempo di ribaltare i luoghi comuni e dare un nome a chi ci ruba davvero il presente e il futuro. Questo noi lo abbiamo fatto con la campagna “Ribaltiamo i luoghi comuni!” che mira a spostare lo sguardo e ha svelare con evidenza i veri responsabili dei mali del nostro Paese”.
“Facciamo un appello forte, conclude il comunicato, affinché si fermi questa spirale di odio, Pordenone non si merita atti di squadrismo. SInistra Italiana - Liberi e Uguali sta al fianco di chi aiuta i più deboli, sempre”.

Potrebbero interessarti anche...