Presentati i risultati dell’indagine sulla biodiversità umana in Friuli Venezia Giulia

 

I risultati del progetto di divulgazione scientifica “DiverSimili”, il cui obiettivo è introdurre conoscenze scientifiche e strumenti oggettivi nel dibattito sulle migrazioni e sulla società multiculturale, sono stati presentati venerdì scorso 16 febbraio a Udine, in Sala Aiace.  Grazie alla partecipazione di 1.000 studenti e studentesse delle scuole della regione, sono stati raccolti 2.700 questionari che hanno investigato la presenza o meno di 7 caratteristiche (fenotipi) che gli scienziati ritengono influenzate dalla genetica. Dall’analisi dei dati raccolti sul campione è emerso come queste sette caratteristiche siano maggiormente influenzate da variabili come l’età o il sesso piuttosto che dalla provenienza geografica. In particolare è stato notato come 4 fenotipi su 7 (la presenza o l’assenza di miopia, la percezione del gusto amaro, l’attaccatura del lobo dell’orecchio e lo starnuto riflesso fotico) non siano in alcun modo dipendenti dal luogo di nascita dell’individuo.
Durante l’incontro per la presentazione dei risultati sono intervenuti Priel Korenfeld, dell’Associazione Oikos Onlus, Luca Pagani, ricercatore dell’Università di Padova, Fabio Marroni, dell’Istituto di Genomica Applicata, Alessio Boattini, antropologo molecolare dell’Università di Bologna, Giada Rossi, Presidente dell’Associazione culturale Kaleidoscienza e Simona Regina, giornalista scientifica.
Nell’antisala Aiace è stata disposta un’installazione che ha preso forma grazie all’interazione del pubblico: i fruitori hanno potuto contribuire, ognuno con la sua unicità, a tratteggiare i fasci di luce colorata che hanno illuminato la statua di Aiace, all’interno di Palazzo d’Aronco.
DiverSimili è un progetto di divulgazione e indagine scientifica sulla biodiversità umana realizzato col contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Il progetto è coordinato dall’Associazione culturale Kaleidoscienza (capofila) e coinvolge l’Istituto di Genomica Applicata di Udine, l'associazione OIKOS Onlus, l’Istituto Comprensivo di Basiliano e Sedegliano e l’Associazione Ideo.
Associazione culturale Kaleidoscienza
Kaleidoscienza è un’associazione culturale, nata nel 2010 e con sede a Udine, che si occupa di divulgazione scientifica. È una realtà dinamica e innovativa che si avvale delle diverse competenze, in campo scientifico, artistico, informatico e didattico, presenti all’interno del gruppo di lavoro. La sua mission è divulgare la cultura scientifica attraverso strumenti formativi non tradizionali che si ispirino all’ideale dell’educare investigando (Inquiry Based Science Education) e
divertendosi (edutainment) e della formazione permanente (lifelong learning). L’approccio didattico e divulgativo è finalizzato all’ideazione di interventi volti a favorire l’interattività e la sperimentazione attraverso attività hands-on, progettate per valorizzare il processo di conoscenza. Kaleidoscienza opera attraverso ogni tipologia di espressione creativa, poiché la creatività e l’arte consentono di veicolare la cultura scientifica e avvicinarla al sentire di ciascuno. In questi anni Kaleidoscienza ha collaborato con università, associazioni, scuole, enti pubblici e di formazione, centri estivi e di aggregazione nell’ambito di progetti di approfondimento didattico, stringendo rapporti con molte realtà del territorio regionale, nazionale e internazionale.

È possibile prendere visione dei risultati dell’indagine nel dettaglio visitando il sito www.diversimili.it.

Potrebbero interessarti anche...