Prospetti informativi banche corretti ma incomprensibili

redazionefriuliserainfo@friulisera.it
Dopo le vicende relative al salvataggio delle 4 banche dal fallimento e le successive polemiche con Bruxelles sui possibili aiuti di Stato (vietati), la Consob (società che controlla le spa quotate in Borsa, ndr) ha chiarito la sua posizione a riguardo: « Il prospetto informativo rimane un documento troppo lungo e complesso per poter essere letto e pienamente compreso dal risparmiatore», queste le parole, in sintesi, di Giuseppe Vargas, presidente della Consob.
la trasparenza. Riguardo alla correttezza dei controlli eseguiti sinora, Vargas ha confermato la correttezza della Commissione nella vicenda, il modello di vigilanza adottato dunque è stato giudicato positivamente: «I prospetti hanno dato massima evidenza a tutti i fattori di rischio connessi alla complessità degli strumenti e alla situazione in cui versavano le banche. Essi specificavano che l'investitore avrebbe potuto perdere l'intero capitale investito in caso di liquidazione o di procedure concorsuali». La vicenda, secondo Vegas dunque, non mettono in discussione la validità dei modelli di vigilanza sulla prestazione dei servizi di investimento. Resta il fatto che qualche cosa non ha funzionato, visti i risultati. I prospetti informativi, infatti, risultano troppo complessi, fornendo in ultima analisi una informazione poco trasparente ai clienti.
Atlante. Vegas ha lanciato un assist all’esperienza del Fondo Atlante, una iniziativa in grado di agevolare la  ricapitalizzazioni e la gestione dei crediti deteriorati. «Strumenti come il fondo Atlante - ha detto - sono importanti per dare risposte immediate ai problemi delle banche italiane e per dare vita a un mercato delle sofferenze, che impedisca anche interventi opportunistici dei fondi avvoltoio».

Potrebbero interessarti anche...