Squadraccia fascista sotto la sede di Repubblica. Lanciati fumogeni e letto “proclama”

Spedizione fascista sotto la sede di Repubblica a Roma, secondo quanto scrive lo stesso quotidiano "un gruppetto di militanti mascherati, che esponevano una bandiera di Forza Nuova e un cartello con la scritta "Boicotta Repubblica e L'Espresso", ha acceso fumogeni sotto la sede del giornale e letto un proclama di accuse alla redazione. Un paio di fumogeni sono stati lanciati all'indirizzo di dipendenti del giornale che protestavano per la provocazione. Un giornalista che proprio in quegli istanti stata rientrando al giornale si è rivolto al gruppo sfidandolo a tirare giù la maschera. Solo un componente della "squadra", una ragazza, ha risposto mostrando il suo viso, per poi fare rapidamente retromarcia, forse richiamata dagli altri. Uno dei militanti sarebbe successivamente stato fermato. Il Cdr di Repubblica ha diffuso un comunicato per denunciare come "il dilagare di intolleranza, odio, xenofobia e fascismo che Repubblica sta puntualmente documentando con grande attenzione da settimane" abbia raggiunto "una soglia di grande preoccupazione".

Nota congiunta dell'Ordine dei Giornalisti e della Federazione Nazionale della Stampa: "L'aggressione di Forza Nuova contro le redazioni dell'Espresso e di Repubblica rappresenta un nuovo intollerabile atto di squadrismo contro la democrazia e la libertà di informazione. Anche questa nuova 'testata' contro l'articolo 21 della Costituzione troverà la risposta che merita attraverso l'illuminazione delle loro attività e delle continue violazioni della legalità costituzionale. Non a caso, già questa mattina avevamo rappresentato al ministro Minniti la necessità di monitorare e prevenire le ripetute azioni di minacce contro i giornalisti che hanno scelto di indagare sulle formazioni neonaziste e neofasciste. A questo punto la risposta dello Stato diventa ancora più urgente e necessaria".

Potrebbero interessarti anche...