Stadio Friuli, prosegue la sperimentazione per evitare la sosta selvaggia

Come già annunciato prosegue la sperimentazione contro la sosta selvaggia in occasione delle partite casalinghe dell'Udinese. Anche domenica 8 aprile, per la gara contro la Lazio, un'ordinanza dell'amministrazione comunale dispone infatti la chiusura ai non residenti, dalle 14 alle 22, delle vie Brescia, Crema e Sondrio (lato Ovest), Fagagna e Milano (nel tratto compreso tra via Sondrio e via Bergamo). Dopo il riscontro positivo delle ultime partite giocate in casa dai bianconeri contro il Sassuolo e la Fiorentina, durante le quali la Polizia locale ha elevato complessivamente oltre 200 sanzioni, il Comune di Udine ha deciso di riproporre la stessa misura di contrasto alla sosta selvaggia, definita e concordata a suo tempo dal Questore, Claudio Cracovia, dal vicario del Questore, Luca Carocci, dal sindaco in carica, Carlo Giacomello, e dal consigliere delegato di quartiere, Massimo Ceccon, insieme con la Polizia Locale.

Anche questa domenica a presidiare l'area sarà una pattuglia della Polizia locale dell'Uti Friuli Centrale dedicata proprio a prevenire i comportamenti scorretti fin dai momenti di afflusso delle auto prima dell'inizio della partita. Una volta dato il via al calcio d'inizio, la pattuglia si dedicherà alla raccolta delle targhe di tutti coloro i quali tenteranno comunque di eludere il divieto.

Obiettivo, come sempre, non è quello di “fare cassa”, ma abituare i tifosi a comportamenti civili che non stravolgano la vita dei residenti impedendo loro, come è accaduto e accade, l'accesso alle proprie abitazioni o il transito sui marciapiedi. Proprio per questa ragione, è anche previsto l'intervento di rimozione a opera del carro attrezzi per liberare i passi carrai eventualmente occupati da veicoli parcheggiati. Per tutti questi motivi il Comune invita chiunque si recherà allo stadio Friuli a utilizzare le aree di sosta presenti nella zona oppure ad utilizzare i mezzi pubblici.

Potrebbero interessarti anche...