Il talento dei giovani e le aziende si incontrano sabato alla Fiera del Lavoro Alig: 240 i posti disponibili

Far incontrare il talento dei ragazzi e le esigenze delle aziende, dando vita a un mix vincente capace di costruire prospettive verso il futuro. È l'obiettivo dell'undicesima Fiera del Lavoro organizzata da Alig (Associazione dei laureati in ingegneria gestionale dell’Università di Udine), in programma sabato 26 novembre al Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Sessanta aziende alla ricerca di “giovani cervelli”, oltre 1.200 tra laureandi e laureati alla ricerca di un impiego e 240 posti di lavoro disponibili: sono i numeri, tutt'altro che di poco conto, dell'evento che punta a far incontrare i neo laureati con le imprese iscritte le quali, per partecipare all'evento, hanno dovuto “mettere sul piatto” da una a più posizioni aperte all'interno dei propri organici.

«L’evento è cresciuto costantemente, ma quest’anno è davvero notevole nei numeri, un unicum nel panorama regionale - commenta Marco Sartor, presidente Alig - grazie al supporto dell’amministrazione regionale, siamo riusciti a riunire in un unico evento la formazione accademica della nostra regione (con le università di Udine, di Trieste e la Sissa) e il mondo regionale dell’industria, con le associazioni degli Industriali di Udine, Pordenone e della Venezia Giulia e la Camera di Commercio di Udine».

Un evento unico, come testimoniato dall’elenco delle aziende partecipanti, nomi illustri non solo del panorama industriale del Nordest, ma player internazionali di diversi settori, a partire da Gucci, colosso mondiale della moda e del lusso che partecipa per la prima volta ad un evento simile nella nostra regione.

Incontri con le aziende

La giornata inizia alle 12:30 nel foyer e nelle terrazze delle gallerie del teatro con incontri one-to-one tra aziende e candidati e con brevi presentazioni delle singole imprese che illustreranno ai presenti il proprio business e i profili di cui sono alla ricerca. Umana, l’agenzia per il lavoro interinale, metterà a disposizione i propri professionisti per il servizio gratuito di correzione dei curricula dei ragazzi mentre un fotografo professionista scatterà la foto perfetta per il curriculum.

Per gli studenti 21 “borse di studio speciali”

Le dimensioni dell’evento Alig richiedono numeroso personale per l’organizzazione e per la gestione della giornata: ecco perché il 26 novembre Alig farà lavorare 21 studenti universitari (tra i 21 e i 23 anni) a teatro riconoscendo loro un piccolo gettone come “borse di studio speciali”.

Mondo accademico e istituzioni presenti

Gli incontri con le istituzioni e con il mondo accademico saranno divisi in due momenti. Alle 16 interverranno l’Assessore regionale al lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università Loredana Panariti, l’Assessore provinciale alle attività produttive Leonardo Barberio, l’Assessore all’innovazione del Comune di Udine Gabriele Giacomini, il Rettore dell’Università di Udine Alberto Felice De Toni, il Rettore dell’Università di Trieste Maurizio Fermeglia e il direttore generale della Sissa di Trieste Stefano Ruffo.

Alle 17 i saluti degli altri partner del progetto: la Camera di Commercio di Udine, le associazioni degli Industriali di Udine, Pordenone e della Venezia Giulia, il parco scientifico Friuli Innovazione.

Grande attesa per la tavola rotonda “Back to Italy”

Il re-shoring, ovvero il fenomeno per cui le aziende stanno riportando produzione e addetti nei propri paesi d’origine (il contrario di off-shoring) è di grande attualità: “il reimpatrio delle aziende” è stato uno dei pilastri della politica industriale americana di Barack Obama e il neo eletto Donald Trump promette misure ancora più forti per favorire il ritorno negli Us. Dopo gli Stati Uniti, anche l’Europa segue questo trend dopo l’emorragia di aziende che negli ultimi anni hanno delocalizzato in Cina e in estremo oriente: il secondo Paese al mondo per re-shoring è l'Italia con ben 80 casi, pari al 40% di quelli europei. Si parlerà proprio di “Back to Italy” nella tavola rotonda moderata dal vicedirettore del TG5 Giuseppe De Filippi con i protagonisti di tre grandi imprese italiane che “sono tornate a casa”: Edi Snaidero (Snaidero Cucine), Filippo Petrera (Gruppo Natuzzi) e Leonardo Innocenzi (Safilo Group).

Gli altri incontri del pomeriggio: Gene Gnocchi e Alberto Angela

Alle 16 salirà sul palco l’istrionico Gene Gnocchi per essere intervistato dal pubblico. Alle 18 il gran finale con la lectio magistralis di Alberto Angela dedicata a Leonardo Da Vinci. La giornata si concluderà celebrando le eccellenze del territorio regionale con un aperitivo a base di prodotti friulani della zona di Faedis.

I nomi delle aziende partecipanti.

ABS, Alfa Sistemi, Alten Italia, Altran, AMB, Aussafer due, Automotive Lighting Magneti Marelli, Autostar, Auxiell, Banca di Manzano, BCC CrediFriuli, Bosch Freud, Calligaris, Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, Danieli, DM Elektron, Domovip Italia, Electrolux Professional, Estuario Carni, Euronews Pubblicità, Eurotech, Fedon, Fincantieri, FriulCoram, Friuli Innovazione, Generali, Gesteco, Glp, Gucci, Humanoid Company, IC&Partners, Idealservice, innv@actors, Intertek, KPMG, La San Marco, Lakeside Science & Technology Park, LIDL, Lloyd’s Register, Mangiarotti, MIB School of Management, Pietro Rosa TBM, Pilosio, Pittini Ferriere Nord, Quin, Rhoss, Rosa Group, Simeon, SMS Group, Studio BRC Associati, T.S.M., tt Italy, U-blox, Umana, Upimpresa, Video System, Vistra, Wärtsilä.

 

Potrebbero interessarti anche...