Veneto Banca ancora in saldo risparmiatori sempre più tesi

La grave crisi di liquidità che ha colpito Veneto Banca e la Popolare di Vicenza hanno portato decine di migliaia di piccoli risparmiatori sul lastrico con evidenti ripercussioni tra coloro che ora si trovano senza risparmi. Dopo la recente tragedia conclusa con la morte di uno di questi risparmiatori, oggi, a conferma di quanto la situazione sia tesa, si è rischiato grosso con un caso simile. Nella filiale di Mansuè (Vi) di Veneto Banca, un agricoltore 60enne si è presentato chiedendo con insistenza la restituzione dei soldi investiti in titoli della banca (oggi carta straccia, ndr). Dopo ripetuti e cortesi dinieghi, il signore ha perso la pazienza ed ha estratto dalla tasca un taglierino, deciso a farsi ridare il suo denaro impegnato all’epoca nell’incauto acquisto di titoli. Il personale della banca ha chiamato i carabinieri e, subito dopo il loro arrivo, l’uomo si è calmato. Per ora non risultano denunce a suo carico per minacce.
Purtroppo per i risparmiatori gabbati anche le ultime notizie non inducono alla calma e alla serenitò: l’aumento di capitale da un miliardo di euro per ora è stato sottoscritto dai soci solo per l’1%, vale a dire 10 milioni. Inevitabile, dunque, che il fondo Atlante acquisti il 99% alla stregua di quanto fatto con la banca di Vicenza.

Potrebbero interessarti anche...