I Virtuosi Italiani con Alberto Martini in concerto al Teatro Gustavo Modena di Palmanova

La Stagione Sinfonica Conversando con Psiche prosegue giovedì 26 ottobre, alle 20.45, al Teatro Gustavo Modena di Palmanova, con un irrinunciabile concerto de I Virtuosi Italiani, intitolato: Stravaganze, follie e passioni umane, un appuntamento che li vedrà protagonisti con Alberto Martini, Maestro di concerto al violino.

I Virtuosi Italiani, complesso nato nel 1989, è una delle formazioni più attive e qualificate del panorama artistico internazionale. In oltre vent’anni di attività, sempre maggiore attenzione è stata riservata ad una scelta di repertorio mirato al coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto, con un particolare riguardo rivolto ai giovani. Tra gli impegni più rilevanti del Complesso, si segnalano il Concerto per il Senato della Repubblica Italiana, trasmesso in diretta da Rai 1, il Concerto per la Vita e per la Pace eseguito a Roma, Betlemme e Gerusalemme, trasmesso dalla Rai in mondovisione, il Concerto presso l’Aula Paolo VI (Aula Nervi) alla presenza del Santo Padre Benedetto XVI, il debutto alla Royal Albert Hall di Londra ed una tournée in Estonia che li ha visti partecipare, per la seconda volta a distanza di pochi anni, al noto Barokkmuusika Festival.

In programma per la serata nella città stellata, patrimonio dell’Unesco, le suggestive musiche di Antonio Vivaldi, Francesco S. Geminiani e Arcangelo Corelli.

La Follia è un tema musicale di origine portoghese tra i più antichi della musica europea, le cui tracce risalgono al XVI secolo. Il tema diventa in seguito l’oggetto di variazioni strumentali nelle letterature musicali di paesi diversi, oltre che il canovaccio di libere improvvisazioni da parte degli esecutori. Caratteristica della Folie d’Espagne in Francia e del Faraonel’s Ground in Inghilterra, ad esempio, è l’essere basata su una passacaglia, mentre la linea melodica prende la forma di una Sarabanda lenta. Fra i primi ad introdurre il tema nella musica colta incontriamo certamente Lully, seguito poi da Marin Marais e dallo stesso Couperin. Gli italiani Geminiani, Corelli e Vivaldi sono coloro che probabilmente raggiungono le vette più alte nella variazione di questo tema.

La Stagione musicale Conversando con Psiche è realizzata dalla Mitteleuropa Orchestra in collaborazione con l’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, grazie al prezioso sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della BCC (Federazione Banche di Credito Cooperativo F.V.G.) grazie all’importante partnership con la Fondazione Friuli, l’associazione di Confindustria Udine e con il patrocinio della Provincia di Udine, del Comune di Palmanova dell’Università degli Studi di Udine, dell’Aspic Fvg e della casa editrice Bastogi.

Potrebbero interessarti anche...