Vizi antichi e nuovi, ne parlano uomini di chiesa

dipiazzaPordenone. Il Vescovo Ovisio Poletto inaugura gli incontri di “Presenza e cultura” con una lezione dedicata a “Violenza e crudeltà. Dall’accanimento reciproco all’antidoto della Misericordia”. 

Sono otto gli appuntamenti in cartellone a cura di don Luciano Padovese organizzati all’Auditorium del Centro Casa Zanussi di Pordenone (via Concordia 7) nell’ambito degli “Incontri di Presenza e Cultura” 2016/2017. Fino al 2 maggio una serata al mese per approfondire i vizi con cui ci confrontiamo ogni giorno, da “Odio e vendetta” a “Narcisismo e individualismo”, da “Corruzione e ingiustizia” a “Falsità e ipocrisia”. Parteciperanno anche don Pierluigi Di Piazza e Chino Biscontin.

Si inizia dunque, martedì 4 ottobre alle 20.45,  con un’indagine intorno ai vizi capitali esplorando otto “mali antichi e nuovi” che caratterizzano la temperie morale della nostra società. Il nuovo ciclo si propone di approfondire complessità e sfumature della materia, che spesso sfugge alla considerazione delle persone: non con l’intendimento di fermarsi alla semplice analisi del negativo, ma con l’obbiettivo di “attraversarla” quale passaggio necessario per esaminare e condividere gli “antidoti” dei vizi moderni e le indicazioni positive offerte al dibattito e alla condivisione dei partecipanti.

In alto, Di Piazza, qui sopra Padovese

In alto, Di Piazza, qui sopra Padovese

Sara’ il vescovo emerito della Diocesi di Pordenone, Mons. Ovidio Poletto, a inaugurare martedi’ 4 ottobre gli incontri con la sua lezione dedicata a “Violenza e crudeltà. Dall’accanimento reciproco all’antidoto della misericordia”. Molti e delicatissimi i temi all’attenzione del pubblico nei martedi’ successivi: ci si confrontera’ via via, fino a martedi’ 2 maggio, su “Odio e vendetta”, su “Narcisismo e individualismo”, “Corruzione e ingiustizia”, “Falsita’  e ipocrisia”. E con Luciano Padovese ci guideranno relatori d’eccezione, come il fondatore del Centro Balducci di Zugliano don Pierluigi Di Piazza e come il docente di teologia don Chino Biscontin. E si parlera’ anche di “Tristezza e avvilimento”, di “Lussuria e volgarita’”, di “Incoerenza e tradimento”, ad ogni incontro a partire da un incipit autorevole e incisivo. Martedi’ 4 ottobre, a proposito di “Violenza e crudelta’”, il Vescovo Poletto ci ricordera’ che “Violento è chi abusa della propria forza (fisica o morale) in modo incontrollato e irrazionale», mentre «misericordioso è chi ha compassione della sofferenza altrui come fosse la propria» (Tommaso D’Acquino). Ingresso libero, info www.centroculturapordenone.it/cicp tel 0434/553205.

 

Potrebbero interessarti anche...