Apertura dei poli sciistici del Friuli. La temperatura scesa negli ultimi giorni permette il consolidamento del manto nevoso e l’apertura di nuove piste

Grazie alle basse temperature registrate negli ultimi giorni è stato possibile innevare artificialmente una parte consistente delle piste dei poli regionali. Nel periodo natalizio si scia già su alcune delle piste più famose del Friuli Venezia Giulia, quali ad esempio l’Agonistica del Canin a Sella Nevea e la 1 dello Zoncolan. Aperti, inoltre, i primi anelli dedicati allo sci di fondo. Di seguito il dettaglio delle piste aperte:

Sella Nevea – Kanin: Aperti tutti gli impianti di risalita e tutte le piste con la sola eccezione della Turistica del Canin, disponibile però nella parte alta, fino a quota 1400. Assicurati i collegamenti con la Slovenia e per gli appassionati dello sci di fondo aperta Pista Prevala.

Zoncolan – Il comprensorio è tutto aperto in quota fatta eccezione per Lavet-Canalone. Già da alcuni giorni sono disponibili le piste e tutti i principali impianti di risalita del comprensorio: Tamai 1, 2, e 3, Goles, Zoncolan 1, 2, 3, e 4, i campetti Cima Zoncolan, Lausc. È inoltre aperta l’Arena Freestyle ed è in funzione il nuovo tappeto che agevola il collegamento dai parcheggi al demanio sciabile.

Tarvisio – Sono aperti 8 impianti su 10 e si scia sulla parte alta della pista Di Prampero, servita dalla telecabina del Monte Lussari, e sulle piste Duca d’Aosta, Florianca, Foresta e Malga. Mancano solo i collegamenti a valle su cui si sta attualmente lavorando. È aperto anche il bob su rotaia e l’area dedicata alle slitte del parco giochi sulla Piana dell’Angelo.

Piancavallo - Sono aperte le piste Sauc 2, Nazionale Bassa dal Rifugio Arneri, Casere e tutti i campi scuola. Aperti pure Nevelandia, il bob su rotaia e un anello di sci di fondo di 500 metri di lunghezza. Se permarranno le attuali positive condizioni meteo, da domenica saranno aperte altre piste.

Sappada - Aperte buona parte degli impianti con le sole eccezioni delle seggiovie Miravalle e Hochbolt. Sul fronte piste si potrà sciare sulle Monte Siera Turistica, Creta Forata, Taisa, Pian dei Nidi, Eiben Col dei Mughi Nazionale e parzialmente sulla Monte Siera Nazionale. Aperta pure la pista per bambini Campo scuola Campetto 1 e Nevelandia. Per quanto riguarda lo sci di fondo è garantito un anello di 5km a Cima Sappada, mentre nello Stadio del Fondo sarà aperto un tracciato di 3,3 km.

Sauris - Forni di Sopra: A Sauris di Sotto è disponibile la pista Campo scuola servita dal tappeto. Nell’area Varmost di Forni di Sopra sono aperti tutti gli impianti di risalita e tutte le piste, con la sola eccezione della pista Varmost 1 per la discesa a fondovalle. Nell’area Davost, sono aperti tutti i campi scuola. In località Santaviela è aperto un anello di 800 metri per la pratica dello sci di fondo. La pista è disponibile anche in notturna ogni mercoledì e venerdì, dalle ore 18 alle ore 20. L'accesso si trova al Centro Fondo "Tagliamento" e, vista la lunghezza ridotta del tracciato, il prezzo del biglietto è stato ridotto a 3,00 euro.

Aggiornamenti in tempo reale sull’apertura delle piste sul del sito www.promotur.org alla sezione Infoneve.

Un focus sugli eventi e le attività in montagna nei prossimi giorni:

FIACCOLATA DEL LUSSARI

L’arrivo del 2020 verrà festeggiato sul Monte Lussari con la tradizionale fiaccolata più lunga delle Alpi. In un’atmosfera magica creata dalle luci soffuse delle torce e dai canti accompagnati con la musica dal vivo, si potrà assistere ad uno spettacolare e originale evento che terminerà con un affascinante spettacolo pirotecnico. L’appuntamento è per le ore 18.00 di mercoledì 1 gennaio sul parterre d’arrivo della pista Di Prampero a Tarvisio in località Camporosso. La tradizionale fiaccolata sarà anticipata alle ore 16.30 da una baby fiaccolata che vedrà protagonisti i bambini del paese.

BORGHI E PRESEPI

Fino al 6 gennaio è possibile ammirare gli splendidi presepi ambientati nei borghi di Sutrio ai piedi del Monte Zoncolan in Carnia, lungo un percorso alla riscoperta di cortili, loggiati e cantine delle case più caratteristiche. I presepi esposti non sono stati realizzati solo dagli artigiani di Sutrio e dei paesi della Carnia, ma anche da artigiani provenienti da altre regioni italiane, come Alto Adige e Veneto, e straniere, come Slovenia e Carinzia. A fare da cornice alla rassegna, poi, sono in programma un caratteristico mercatino dell’artigianato, scene di Presepe vivente con rappresentazioni dei vari momenti della Natività, degustazione di specialità tradizionali, musica e molto altro ancora.

POFFABRO: PRESEPE TRA I PRESEPI

Annoverato da anni tra i “Borghi più belli d’Italia”, il paesino del Val Colvera ospita una rassegna di presepi tra le più belle della penisola, aprendo i suoi cinquecenteschi edifici per ospitare su davanzali, giardini e corti oltre un centinaio di presepi in esposizione per tutto il periodo natalizio. Alcuni raggiungono dimensioni ragguardevoli, altri sono accolti in scenografie fantasiose: un minuscolo pentolino in rame, una radice d’albero, una pagnotta che culla al suo interno un piccolissimo Gesù. Il tutto si snoda in una suggestiva ambientazione, quasi fiabesca, con decorazioni di frutta, fiori e legno, musiche natalizie e luci soffuse, capaci di incantare ogni anno oltre ventimila visitatori e trasformare il paesino, adagiato dolcemente sulle falde del monte, in un presepe anch’esso, da qui il nome della manifestazione “Poffabro: Presepe tra i Presepi”.

Per tutti gli altri eventi, attività, escursioni in programma in tutti i poli della regione, vedere gli allegati.