Carniarmonie week end! La Carnia tra solisti, cori ed ensembles

Secondo intenso fine settimana con Carniarmonie che porta quest’anno la bellezza di 41 concerti tra Carnia, Valcanale e Canal del Ferro, per appuntamenti per cui è necessaria la prenotazione attraverso il sito carniarmonie.it. Da venerdì 24 a domenica 26 luglio la montagna friulana accoglierà recital, ensembles e cori, per programmi e generi eterogenei in ideale intesa con i luoghi che li accolgono.

Venerdì 24 luglio alle ore 20.45 nella Chiesa di San Giorgio Martire a Preone, la rinomata pianista Sabrina Lanzi sarà protagonista di un concerto solistico che dal lirismo di Schubert, toccando Bach e Busoni, raggiunge le vette pianistiche di Liszt, per un’artista pluripremiata e dalla riconosciuta carriera. In programma “Quattro improvvisi” op. 90 di Schubert, la “Ciaccona in re minore” BWV 1004 di Bach nella versione di Busoni ed il” Sonetto 104” di Petrarca nelle riletture di Liszt. Programma virtuoso, acceso e affascinante.

Un viaggio nella musica sacra, vocale e strumentale dal Sei al Novecento è il concerto di sabato 25 luglio alle ore 20.45 nella Chiesa parrocchiale di Sant’Osvaldo a Cleulis di Paluzza. “Melodie dell’anima” è il titolo dell’appuntamento con ospiti il soprano Jolanta Stanelyte, al sax soprano e contralto Gaetano di Bacco, al pianoforte Guido Galterio. Un trio di riconosciuti artisti per un’inedita formazione che percorrere un vero e proprio itinerario sentimentale. La voce del soprano ci accompagnerà tra i brani di autori del Seicento e Settecento italiano come Caccini e Mercadante, passando per Rossini, Puccini, Dvorak e i russi Rachmaninov e Glinka, fino all’argentino Piazzolla.

“Oltremare, musiche dai vicini orienti” è il titolo dell’appuntamento concertistico di domenica 26 luglio alle ore 20.45 nella Chiesa di Santo Stefano a Piano d’Arta Terme. Un programma di raro ascolto, pieno di fascino e suggestione, con il Coro del Friuli Venezia Giulia preparato da Cristiano dell’Oste e il polistrumentista jugoslavo Aleksandar Sasha Karlic alla voce, all’oud, alla chitarra e alle percussioni. Se i Balcani sono veramente il grande segreto tra l’Oriente e l’Occidente, la musica tradizionale è l’archeologia della memoria. Canti senza tempo, che possono esprimere, per esempio, struggimenti infiniti e feroci allegrie. “Oltremare” mette insieme i canti dell’acqua e della terra d’Oriente ed Occidente.

Per le prenotazioni - necessarie a tutti i concerti - visita il sito www.carniarmonie.it e compila l’apposito form per ciascun appuntamento (escluso il 28 agosto). Le prenotazioni devono essere effettuate entro le 13.00 del giorno del concerto (nel caso di domeniche o festivi, entro le 13.00 del giorno precedente). Le restanti importanti indicazioni sono indicate chiaramente sul sito che sarà sempre aggiornato e che si invita a visionare con frequenza.

Per ulteriori informazioni: www.carniarmonie.it, info@carniarmonie.it