Chiara Cainero, splendido argento ai Giochi di Rio

Lo skeet femminile si colora di azzurro alle Olimpiadi di Rio. Ed è tutto il Friuli a fare festa, perché sul secondo gradino del podio c'è lei, una delle protagoniste più attese dei Giochi in Sudamerica. Chiara Cainero sfiora il colpo grosso, ma si deve arrendere in finale all'amica-rivale Diana Bacosi: l'udinese porta comunque a casa un argento strepitoso e conferma, una volta di più, il suo talento speciale nello sport.

Chiara procede, a passo spedito, verso la finalissima. Avanza sicura e guadagna l'accesso all'atto conclusivo con uno score immacolato di 16 su 16 piattelli colpiti, sopravanzando Bacosi, alla sua prima partecipazione olimpica, che si “ferma” a 15. Di fronte, per il desiderato oro olimpico, si trovano così l'udinese e l'umbra di Città della Pieve. Chiara, forse, paga un po' di emozione all'inizio e commette un doppio errore nella prima serie di quattro. La sua rivale non centra un solo piattello, durante la terza serie, e alla fine prevale per 15-14 (sui 16 “bersagli” complessivi) sulla friulana. È una doppietta da leggenda nello skeet, una finalissima ammantata di tricolore che lascia qualche rimpianto a Chiara, ma resta la soddisfazione di un argento olimpico che inorgoglisce tutta la nostra regione.

Chiara Cainero, nata a Udine il 24 maggio 1978, nella specialità skeet del tiro a volo ha vinto l'oro alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, ma ha anche all'attivo tre medaglie d'oro agli Europei, un argento e un bronzo ai Mondiali, oltre a un bronzo ai Giochi europei. Al suo attivo, anche numerosi trionfi a squadra. Una fuoriclasse assoluta, che a 38 anni ha ancora voglia di stupire e riempire d'orgoglio tutta la nostra regione.