Con i volontari del Fai alla scoperta della grado mitteleuropea in abbinamento ai concerti di Grado Jazz

Il FAI Friuli Venezia Giulia ha fatto proprio per l'estate 2020 il monito di Giulia Maria Crespi, artefice del Fondo Ambiente Italiano, donna visionaria e combattiva che ci ha lasciati domenica 19 luglio. L'emergenza Covid-19 aveva già costretto l'annullamento delle Giornate di Primavera, atteso e importante evento nazionale annuale, ma la Direzione regionale e le Delegazioni territoriali non si sono perse d'animo e hanno permesso a centinaia di persone di visitare parchi, giardini e orti in tutta la regione in occasione delle Giornate FAI all'Aperto a fine giugno.

Adesso è ora di pensare agli eventi estivi e alle collaborazioni con le associazioni e gli enti del Friuli Venezia Giulia. Tra questi spicca, senza dubbio, la partnership con Grado Jazz by Udin&Jazz – 30esima edizione, festival organizzato dall’Associazione Culturale Euritmica. In abbinamento ad alcuni dei concerti in cartellone, infatti, viene proposto un percorso pedonale che porterà i partecipanti a fare un viaggio nel tempo, trasportandoli nel primo Novecento, quando l'isola era un importante centro balneo-curativo dell’Impero Austro-Ungarico.

Il percorso "Grado nella Mitteleuropa" si sviluppa lungo alcuni dei più importanti viali della città: si parte dai giardini Palatucci per giungere al Parco delle Rose andando alla scoperta degli edifici dell'epoca e rivivendo la magica atmosfera di quel tempo. Una passeggiata aperta a tutti, a cura dei volontari della Delegazione FAI di Gorizia, non solo nella storia ma anche nell'architettura, nel benessere e nella moda.

Mercoledì 29 luglio sono previste due visite, una con partenza alle ore 20 e una alle ore 20.30.
Giovedì 30 luglio una visita con partenza alle ore 18.30.
Ritrovo 10 minuti prima della partenza presso i Giardini Palatucci.

Modalità di partecipazione:
La prenotazione è obbligatoria fino a esaurimento dei posti disponibili, ovvero massimo 10 per ogni gruppo. Per la partecipazione è richiesto un contributo libero a partire da 2 € da versare in loco, dove sarà possibile anche iscriversi al FAI. Nel rispetto delle misure anti-Covid19, i partecipanti dovranno essere in possesso di una mascherina e mantenere la distanza di almeno un metro tra di loro durante il percorso.

Per informazioni e prenotazioni: scrivere a gorizia@delegazionefai.fondoambiente.it.

Proprio in virtù della nuova partnership, le visite guidate sono abbinate ad alcuni concerti del Festival GradoJazz: mercoledì 29 luglio alle 21.30 sul palcoscenico sale Alex Britti, protagonista della scena musicale italiana da molti anni con successi quali “Solo una volta”, “Settemila caffè”, “Mi piaci”. Vent'anni di carriera che a Grado, in quartetto, restituirà al pubblico grazie ai suoi virtuosismi chitarristici intrisi di sonorità jazz e blues. In esclusiva per GradoJazz, con Britti salirà sul palcoscenico anche Flavio Boltro, trombettista che da oltre 15 anni domina la scena nazionale ed europea del migliore jazz.

Giovedì 30 luglio GradoJazz presenta un doppio concerto. Alle 20 tocca al duo Musica Nuda: dopo diciassette anni di attività concertistica, 1500 concerti in tutta Europa, 11 cd, Petra Magoni (voce) e Ferruccio Spinetti (contrabbasso) continuano a incantare con sofisticati arrangiamenti ed evoluzioni vocali di alto livello. Alle 22 una prima assoluta: due grandi donne del jazz italiano per la prima volta insieme. La pianista Rita Marcotulli e Chiara Civello (voce e chitarra) fondono con intensità il loro sguardo interpretativo del jazz. Due forti personalità a confronto, supportate dal violoncello di Marco Decimo.

Grazie alla partnership tra FAI e GradoJazz, è prevista una convenzione speciale: i soci FAI che esibiranno la tessera al momento dell'acquisto, potranno accedere a tutti i concerti della rassegna con il biglietto ridotto. Nel caso delle due serate concomitanti alle visite guidate, il costo sarà di 22 euro (anziché 30 o 35 del prezzo intero) per Alex Britti il 29 luglio; e di 17,50 euro (anzichè 25 o 30 del prezzo intero) per il doppio concerto del 30 luglio. Per informazioni sui concerti e sui biglietti si può consultare il sito www.euritmica.it o scrivere una mail a tickets@euritmica.it.

Il FAI è una fondazione senza scopo di lucro nata nel 1975, sul modello del National Trust, con il fine di tutelare e valorizzare il patrimonio storico, artistico e paesaggistico italiano. Con il contributo di tutti, cura in Italia luoghi speciali per le generazioni presenti e future; promuove l'educazione, l'amore, la conoscenza e il godimento per l'ambiente il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione; vigila sulla tutela dei beni paesaggistici e culturali, nello spirito dell'articolo 9 della Costituzione. In Friuli Venezia Giulia è organizzato in una Direzione regionale, quattro Delegazioni provinciali (Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine), sei Gruppi territoriali (Cividale del Friuli, Gemona del Friuli, Palmanova, Tolmezzo, Spilimbergo, Sacile) e un Gruppo Giovani regionale attivo a Gorizia, Pordenone e Trieste.