Consorzio: 30 giungo sciopero Clocchiatti: garantita l’erogazione dei servizi indispensabili

Un annuncio congiunto delle segreterie nazionali  FLAI-CGIL, FAI-CISL e FILBI-UIL proclama per giovedì 30 giugno 2016  una giornata di sciopero generale per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. A far scattare lo sciopero è stato determinato la mancata adesione sindacale alla proposta dello SNEBI, il Sindacato dei Consorzi di Bonifica, che nelle trattative per il rinnovo del contratto nazionale aveva proposto aumenti retributivi dei minimi di stipendio nel quadriennio 2015/2018 pari a 2,7% sulla base degli indicatori ufficiali individuati dall’indice IPCA a tutela del potere d’acquisto dei salari. «L’attività del Consorzio - precisa la nota -, sia per quanto riguarda l’irrigazione che la difesa idraulica, rientra tra i servizi essenziali che sono garantiti dalla legge anche in caso di sciopero». «In considerazione del particolare periodo di piena irrigazione - interviene la presidente Rosanna  Clocchiatti - il Consorzio ha predisposto un piano di servizi necessario a garantire l’effettuazione delle prestazioni indispensabili, individuando i lavoratori professionalmente idonei a svolgere i compiti e le mansioni inerenti alle prestazioni da erogare».