Coronavirus: Shaurli, Pd collabora con fatti non a parole

“L’approvazione all’unanimità delle misure regionali anti Covid19 non dipende solo dal fatto che sono state accolte alcune nostre proposte. Ora la cosa più importante è capire la straordinarietà del momento e la necessità di Istituzioni efficaci e il più possibile unite”. Lo scrive il segretario del Pd Fvg in una nota pubblicata dal sito web del partito.

“E’ vero che abbiamo portato un contributo fattivo – spiega Shaurli - per quanto riguarda i primi aiuti a imprese e professionisti, e altrettanto abbiamo fatto per il settore agricolo. Però altre nostre proposte non sono state accolte. E rimangono diversità anche sostanziali: ad esempio, non abbiamo capito né riteniamo prioritaria la proroga del mandato dei sindaci in scadenza nel 2021”.

L’esponente dem sottolinea che “quelli approvati, in grande maggioranza, sono strumenti. Ora servono le risorse, i soldi da metterci dentro” e chiede che “si prendano i soldi dove ci sono, magari fermi, e si diano immediatamente a imprese e cittadini. Oltre all’emergenza sanitaria si inizi a pensare anche alle domande del sociale – aggiunge - alle tante persone e famiglie con disabilità, fragilità e dipendenze, ora più in difficoltà del solito.

L’appello “più importante” di Shaurli rivolto al Consiglio Regionale è “di utilizzare fino in fondo la nostra specialità e autonomia, come già fatto nei momenti difficili del passato. Noi siamo convinti che sia possibile ma – conclude - solo con piena collaborazione e reale unità d’intenti”.