Covid: Fedriga si vanta di aver preparato l’esercito, fosse vero si spiegherebbero le cannonate contro le galline a Vivaro

"I nuovi centri che stiamo aprendo in tutto il Friuli Venezia Giulia sono strumenti indispensabili per rendere il più efficace possibile la somministrazione dei vaccini. Noi abbiamo preparato l'esercito, ora l'Unione europea ci deve dare le munizioni che sono rappresentate dai vaccini".  Questa frase infelice, vista la giornata, era presente nella dichiarazione propagandistica  odierna sul Covid del presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. Quell'abbiamo preparato l'esercito spiegherebbe l'episodio di Vivaro dove un autoblindo ha sparato alle galline. Ma ironia a parte c'è da registrare il caustico  commento della senatrice Pd Rojc,  Fedriga non si vanti: "oggi il Friuli Venezia Giulia fa il record dei contagi - spiega Rojc - e Fedriga si vanta del suo 'esercito' messo in campo, continua a cercare nemici e non potendo più metter nel mirino il Governo se la prende con l'Europa.  Finora è stata stucchevole la campagna di autocelebrazione che Fedriga e la sua giunta hanno attuato, quasi fossimo un'isola felice in cui tutto funziona e quel che non va è colpa di altri". "Il nostro sforzo - aggiunge la senatrice - deve essere rivolto ad aiutare e sostenere medici e personale sanitario, che ora è impegnato nel doppio fronte: curare i malati Covid e vaccinare tutti nei grandi e piccoli centri".