Covid. Stabile (FI): Ministro Speranza garantisca maggiore protezione a pazienti e sanitari

"Il sovraccarico delle strutture ospedaliere in tutte le regioni a causa dell'aumento dei contagi conferma che sarebbe stato urgente e necessario identificare prioritariamente strutture dedicate alla gestione dei pazienti covid su tutto il territorio nazionale e percorsi rigorosamente differenziati all'interno degli ospedali. Questo avrebbe garantito non solo una migliore gestione dell'emergenza, ma anche maggiore sicurezza sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. È chiaro che tutto ciò non è avvenuto, con conseguenze preoccupanti sulla tenuta del sistema sanitario nazionale. Per questo ho presentato un'interrogazione al ministro Speranza, chiedendo quali iniziative di competenza intenda adottare per garantire una maggiore protezione ai pazienti e agli operatori sanitari coinvolti quotidianamente all'interno delle aziende ospedaliere, e in particolare a Trieste, dove preoccupano la commistione di reparti covid e non-covid nello stesso stabilimento ospedaliero, percorsi non ben differenziati, personale che assiste malati infetti e non. É necessario che il ministro spieghi se non ritenga opportuno intervenire affinché nei due ospedali della città di Trieste avvenga una netta differenziazione tra percorsi Covid e non Covid, come peraltro previsto dalla norma di legge. Solo così si potrebbe assicurare un tempestivo e opportuno intervento a tutti i malati, in completa sicurezza tutelando la salute di tutti i cittadini e del personale sanitario". Lo dichiara la senatrice di Forza Italia, Laura Stabile.