Covid. stabile (FI): serve Ssn pronto per evitare nuova emergenza

"Il ministro Speranza, nella sua informativa oggi, ha dato cattive notizie sull'incremento in Italia dei casi positivi al Coronavirus, giustificando così ulteriori provvedimenti restrittivi e un'intensificazione dei controlli per punire i trasgressori. Ma ha sorvolato sulla notizia buona e cioè che attualmente in Italia il sistema sanitario regge e la pressione che la pandemia esercita sugli ospedali è ancora molto contenuta, considerando che l'occupazione di posti letto, anche di terapia intensiva, e il numero dei decessi sono di molto inferiori rispetto alla scorsa primavera. Ciò che è fondamentale per i prossimi mesi, e a questo il Governo avrebbe dovuto già provvedere, è che il servizio sanitario sia pronto e tempestivo nel testare e tracciare al fine di contenere e isolare i focolai, e di assicurare ai cittadini le cure necessarie. L’impressione invece è che forse non sia così, dato che si dichiara l'emergenza quando in questo momento non esiste, e si diffonda allarmismo per sviare l'attenzione da persistenti carenze e inefficienze del sistema sanitario e per giustificare l'imposizione di regole ancora più restrittive, come l'uso della mascherina all'aperto anche se si è soli e distanti da altre persone, malgrado questo non sia mai stato consigliato dalla comunità scientifica. È indispensabile dunque che il governo rassicuri i cittadini e si assuma le proprie responsabilità, invece di imporre ulteriori disagi e vessazioni: colpevolizzare le persone che fino ad ora hanno dato e sacrificato sin troppo per il contenimento della pandemia non è più accettabile.
È vero, come ha detto il Ministro, che una sanità efficace è il primo passo necessario per la ripresa economica. Ma è pur vero che se l'economia non riprende, avremo sempre meno risorse per pagarci la sanità pubblica". Lo dichiara la senatrice di Forza Italia, Laura Stabile.