Dati pandemia in Fvg mostrano limiti scelte della destra 

"Poche vaccinanzioni, manifestazioni, influenza dei Paesi vicini ma anche una Giunta che parla tanto, cambia spesso idea e fa poco, numeri di terapie intensive che calano e crescono con cronometrica puntualità, difficoltà nella prevenzione, nel tracciamento, nel contenimento e nel rapporto con gli operatori sanitari. La grande e tardiva agitazione del presidente Fedriga è pienamente giustificata visto che la nostra regione rischia grosso, ma dovrebbe prima verificare in casa se tutto funziona o se la gestione accentratrice e padronale di Riccardi è un problema aggiunto a una pandemia che in Fvg si porta via il 10% dei morti d'Italia col 2% della popolazione e con un tasso di mortalità purtroppo da record. Dati che ora mostrano tutti limiti della scelte fatte dalla destra". Lo rileva il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, valutando i dati sulla mortalità e la letalità da Covid in regione.