Ferrovie: Liva (Pd), Giunta Fedriga assente per la Venezia-Trieste

“Alcuni dati sono acquisiti: la Giunta Fedriga risulta assente sul versante delle grandi infrastrutture di trasporto, ciò che è in corso di realizzazione va sull’onda di quanto ereditato dal centrosinistra, e l'assessore Pizzimenti è entusiasta. Purtroppo la focalizzazione sull’immediato tornaconto impedisce l’impegno sulle grandi opere e la mancanza attuale di un’adeguata interlocuzione della Regione a livello nazionale si paga con l’esclusione della Venezia – Trieste dai benefici del Pnrr e del fondo complementare. Pure, era legittimo aspettarsi che l’intervistatissimo presidente della Conferenza delle Regione portasse a casa qualche spicciolo in più”. E’ la riflessione del responsabile Economia del Pd Fvg Renzo Liva dopo che l’assessore ai Trasporti Graziano Pizzimenti ha confermato che la tratta ferroviaria Trieste-Venezia rimane fuori dalle linee di finanziamento del Pnrr.
“La terza corsia della A4, gli investimenti sul porto di Trieste e sul nodo di Udine sono stati il risultato di un pressing della Regione sul Governo nazionale e - puntualizza Liva - anche i 200 milioni stanziati da Rfi per la velocizzazione della ferrovia Venezia-Trieste risalgono al 2016, ministro Delrio. Solo un anno fa l’assessore Pizzimenti teneva la porta aperta all’alta velocità da 8 miliardi, oggi parla vagamente di un centinaio di milioni”.
“Appurato che l'opera è indispensabile per lo sviluppo della Regione FVG da sempre penalizzata da un isolamento di comunicazioni con il resto del Paese, appurato - continua l'esponente dem - che non era inserita nelle schede progettuali presentate dalla Giunta al Governo Draghi, visto che l’elaborazione dei progetti da inserire nel Recovery è stata giocata tutta nel chiuso della Giunta, è auspicabile ci sia trasparenza alla ripresa dei lavori in Consiglio regionale almeno nella fase consuntiva: cosa abbiamo portato a casa oltre al Porto di Trieste?”.